Yanny o Laurel: la voce dice la stessa parola ma per le persone cambia

Yanny o Laurel

Tu cosa senti? Yanny o Laurel: la nuova illusione audio che fa impazzire il web – di Andrea Centini

Postata inizialmente su reddit, l’illusione audio di Laurel e Yanny è diventata immediatamente virale sbarcando sui social network.

La voce robotica è stata modulata nella frequenza al fine di ‘ingannare’ la mappa nel nostro cervello che ci aiuta a percepire e interpretare interi discorsi al volo.

Yanny o Laurel. Non è una nuova coppia dello star system, ma un’illusione che sta letteralmente facendo impazzire il web. A differenza dei ‘tormentoni’ ottici del passato, come il celeberrimo vestito bianco e oro o nero e blu, in questo caso si tratta di un peculiare fenomeno audio, in base al quale possiamo ascoltare o l’uno o l’altro termine.

La clip è stata originariamente condivisa su reddit da RolandCamry, ma è solo dopo esser transitata su Twitter e altri social network che ha fatto letteralmente il giro del mondo, conquistando milioni di visualizzazioni – sul profilo di Cloe Feldman è a 19,4 milioni –, commenti più o meno divertiti e una pioggia di ‘mi piace’.

Prima di addentrarci nella spiegazione del fenomeno, ecco il video.

Avete ascoltato Yanny o Laurel? Indipendentemente da ciò che è passato nel vostro cervello, sembra letteralmente impossibile che qualcun altro possa udire l’altra parola.

Eppure è esattamente ciò che avviene, tanto che gli internauti si sono divisi in fazioni che ‘tifano’ per l’una o l’altra parola. Ma non manca chi, tra un ascolto e l’altro, ha sentito prima Yanni e poi Laurel o viceversa. Che cosa sta succedendo al vostro cervello?

Innanzitutto non dovete assolutamente preoccuparvi. Che sentiate l’una o l’altra parola è perfettamente normale, ed è tutto legato a un gioco di frequenze, alla lingua e al modo in cui il vostro cervello è stato addestrato a interpretare i suoni.

Sin da piccoli, infatti, le nostre orecchie captano gli indizi dei suoni in entrata e li ‘registrano’ in base alle loro frequenze, che sono leggermente diverse da persona a persona e da lingua a lingua.

Ciò serve a creare una sorta di mappa nel cervello grazie alla quale riusciamo a “percepire e interpretare un discorso al volo”, come ha sottolineato il neuroscienziato Hardik Kothare dell’Università della California di San Francisco.

La voce robotica che pronuncia Yanny o Laurel è stata sintetizzata per alterare proprio questa mappa creata nel cervello, generando in certe persone un’illusione simile a quelle che possono ingannare gli occhi.

La voce originale, che potete trovare su vocabulary.com, pronuncia infatti la parola Laurel, ma è stata rimodulata nelle frequenze al fine di provocare l’illusione.

Grazie a questo commutatore messo a punto dal New York Times potete variare la frequenza della voce e capire in che punto il vostro cervello inizia a sentire l’una o l’altra parola. [Credit: RolandCamry / Reddit] – Fonte: fanpage.it

Denise Baldi

Chimica appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale. Interessata ai metodi educativi dolci che lasciano libertà al bambino. Amante della cucina.
Fare buona informazione è il suo scopo primario.
E-mail: baldidenise1982@gmail.com