Whatsapp e (la scusa delle) fake news: ecco come sta per cambiare

746
fake

La piattaforma di messaggistica più famosa al mondo sta per cambiare di nuovo e questa volta la modifica vuole contrastare il propagarsi di fake news.

L’aggiornamento voluto dagli sviluppatori impedirà di inoltrare i messaggi a tutti i contatti perché sarebbe proprio questa funzione ad alimentare la propagazione delle fake news.

Tutti gli utenti che utilizzano WhatsApp saranno immediatamente coinvolti nella modifica, anche quelli italiani.

Non più di 5 contatti alla volta, il codice è stato così modificato per impedire la diffusione a “macchia d’olio” di qualsiasi tipo di notizie.

La lotta alle fake news a cosa serve?

Parte proprio dall’India l’aggiornamento che piano piano si diffonde in tutto il globo, così sia WhatsApp che Facebook vogliono dare un segnale forte alla diffusione selvaggia di queste notizie.

Mark Zuckemberg si è schierato in prima linea con le sue piattaforme che contano miliardi di utenti in tutto il mondo.

Probabilmente sotto la pressione dei colossi dell’informazione ha deciso questo cambiamento.

Era proprio necessario limitare l’inoltro dei messaggi? Come si fa a decidere cosa sia una fake news e cosa non lo sia?

Sembra non esserci un vero dibattito in merito alle notizie false, da una parte ci sono i mass media che decidono cos’è una fake news, dall’altra ci sono migliaia di utenti che cercano informazioni diverse da quelle propinate dal main stream.

Facciamo un piccolo esempio: il presunto utilizzo delle armi chimiche in Siria, una delle più grandi fake news diffuse dai media.

Oggi tutti sanno che Assad non ha utilizzato armi chimiche e che non sono state nemmeno trovate, così come non furono trovate armi di distruzione di massa a Saddam Hussein.

Questi sono solo due dei casi più eclatanti che hanno contribuito a cambiare l’opinione pubblica secondo il volere di chi propagandava falsità per i propri interessi.

Ora le informazioni le possiamo avere sopratutto dai social, da Facebook e da WhatsApp e sono proprio questi canali che subiranno un giro di vite.