Giovanni muore a 26 anni, finisce in tragedia la gita con gli amici

503
giovanni muore

Gita con amici finisce in tragedia: Giovanni muore a 26 annidi P.D.M.

Il tragico incidente è avvenuto verso le 14:30 di sabato, in Trentino. Ha perso il controllo della moto lungo la strada statale 349 della Fricca.

Dopo un volo di 60 metri impatta con un palo delle segnaletica. Soccorso e trasportato d’urgenza in ospedale, morirà pochi minuti dopo.

L’incidente è avvenuto nei pressi del passo Vezzena, Comune di Levico. Giovanni percorreva la strada statale 349 della Fricca, stava rientrando a Vicenza dopo una gita in compagnia di una dozzina di centauri.

Ti potrebbe interessare anche: Marco muore in un tragico incidente: tornava dalla maturità

Oltrepassata una semicurva ha perso il controllo della moto e dopo un volo di sessanta metri, impatta contro uno dei pali della segnaletica stradale.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale Alta Valsugana, i vigili del fuoco e i sanitari dell’elisoccorso di Trentino emergenza. Giovanni è stato subito trasportato al Santa Chiara di Trento.

Giovanni muore pochi minuti dopo l’arrivo in ospedale

Era in condizioni disperate e pochi minuti dopo è morto a causa dei gravi traumi riportati dopo l’incidente. La polizia locale sta cercando di ricostruire la dinamica.

Era un ragazzo come tanti, che amava trascorrere qualche ora in libertà con i suoi amici ben contento di poter praticare la sua più grande passione: le moto.

Lavorava come operaio nella ditta S.P. Meccanica di Cornedo, vicino alla casa in via San Sebastiano dove abitava con i genitori.

Purtroppo, incidenti come questo sono all’ordine del giorno, in molti casi si tratta di sprovveduti o di un problema che riguarda il manto stradale, in questo caso però, il 26enne non era di certo poco esperto ma una plausibile distrazione non gli ha dato scampo.

Preghiamo per lui e i suoi familiari, certi che lassù potrà riprendere la sua Ducati bianca 848 e correre felice. Raccomandiamo sempre di andare piano e prestare attenzione.