Toxic Skies, il film sulla geoingegneria che non volevano farci vedere VIDEO

toxic skies

Toxic Skies, il film che non volevano farvi vedere

Quanto anticipato da Bill Gates assomiglia alla trama di un brutto film di fantascienza. Gates annuncia una pandemia globale con 30 milioni di morti entro i prossimi dieci anni.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) in sintonia con Gates, battezza una misteriosa malattia DESEASE X, malattia ancora sconosciuta che potrebbe appunto causare una strage di milioni di persone in pochi mesi.

Rivela un team di esperti, per completare il quadro, miliardi di virus e batteri arrivano dal cielo. Nell’atmosfera terrestre circola una quantità enorme di virus che piano piano scendono al suolo. 

Leggendo queste notizie delle ultime settimane torna in mente un film, sparito nel nulla e mai entrato nelle sale cinematografiche. Il film con il titolo ‘Toxic Skies’, prodotto nel 2008, era uscito nel 2009Non ha ricevuto nessuna recensione. Era scomparso immediatamente dopo una prima trasmissione ad una TV australiana . 

Perché tanta premura di farlo finire nei cassetti? 

‘Toxic Skies’ (2008) – Trama del film – Per anni il governo è coinvolto in un’ operazione segreta evidenziata disgraziatamente da scie bianche in cielo rilasciate da aerei. Chi sospetta anomalie e chiede spiegazioni ai rappresentanti degli enti responsabili, riceve risposte che abbiamo sentito da altre parti.

Nel film, come nei ‘progetti‘ di geoingegneria propagandati oggi, parlano di tutela ambientale ed interventi per alleviare il riscaldamento globale via sostanze rilasciate nell’atmosfera. 

La verità vera nel film: Queste scie contengono sostanze tossiche o/e virus, deliberatamente spruzzate su una popolazione ignara al fine di “estirpare il vecchio e gli ammalati”. Si tratta quindi di un’operazione di ‘pulizia sporca’ dal cielo.

Gli ospedali di Seattle iniziano  a riempirsi con pazienti affetti da una malattia mortale. La dottoressa Tess Martin, una specialista del Global Health Association cerca la verità. Il virus si diffonde a macchia d’olio in poco tempo e diventa una grave epidemia. Oltre il 70 per cento della popolazione di Seattle muore.

Tess vede come unica possibilità di sopravvivenza quella di uscire dalla città e trovare una cura, ma il Presidente ha dichiarato un’emergenza nazionale e ha messo in quarantena tutta Seattle. A nessuno è permesso di uscire. Il Presidente passa una legge che consente l’uso della forza militare per bloccare le persone ed impedire la diffusione del virus. Tess trova un alleato nella sua ricerca di verità.  

E’ molto realistico il modus operandi delle forze ufficiali che tentano di isolare con la diffamazione e la calunnia il cronista.

La scena finale del film, dietro il provvisorio lieto fine, lascia intravedere la ferrea continuazione del progetto.

Toxic Skies (2008), interpretato da Anne Heche e James Tupper. Diretto da Andrew Erin.
Prodotto da Johnson Production Group. Data di uscita 3 marzo 2009 (TV australiana). Lingua inglese.

Film Integrale visionabile in lingua originale a questo linkFonte: Nogeoingegneria

Maurizio Spezia

Appassionato di sport in generale, ospite fisso su Centro Suono Sport ogni lunedì sera.
E-mail: mauriziospezia81@gmail.com