Tesla taglia il prezzo delle auto per la terza volta in tre mesi. Come mai?

Tesla sta giocando un po’ con i prezzi delle proprie auto. Per il terzo mese consecutivo, senza fare particolare pubblicità alla cosa, anche per non irritare chi ha già ha prenotato l’auto e pagato il lauto acconto, sono stati ridotti i prezzi dell’auto in vendita nel sito Tesla USA.

Il ribasso dei prezzi, non è il primo, anzi è il terzo nell’arco di tre mesi. I modelli X e S sono stati aggiornati con migliori sospensioni, migliori batterie, e altri upgrade secondari, e in occasione di questo miglioramento è stato reintrodotto il modello “Standard”, contrapposto al modello “Extended Range” e proprio sul modello base è stato effettuato il taglio del prezzo.

Quindi ci sono clienti che, in questa serie di cambiamenti di opzioni, di accessori etc, ci hanno rimesso un due o tremila dollari nell’ordine già piazzato. Anche per il model X nella versione standard vi è stato un taglio.

Ora questi ribassi possono indicare che il mercato del settore EV sedan o SUV inizi ad essere saturo al di fuori della Cina e questo quindi dovrebbe far ripensare agli obiettivi di vendita della Tesla, e, di conseguenza, anche degli obiettivi di prezzo delle azioni.

Comunque, nel breve periodo, questo è un fattore negativo nel rapporto con la clientela e verrà a incidere anche sul valore dell’usato.

Una deflazione del prezzo al dettaglio è un elemento che viene a disincentivare gli acquisti immediati, perché il consumatore si aspetta un ribasso del prezzo, per questo le case costruttrici si inventano dei trucchi (finanziamenti tasso zero, modelli limitati, etc) per nasconderli.

Perché Tesla non lo ha fatto? Fonte Scenari economici