16enne rimane paralizzata e perde il figlio per un tatuaggio sotto il seno

4495
tatuaggio

Si fa un tatuaggio mentre è incinta, 16enne perde il bambino e resta paralizzata – di B.C

Una ragazza di sedici anni colombiana decide di farsi un tattoo sotto il seno mentre aspetta un bambino. Le conseguenze sono tragiche.

Perde il bambino e rimane paralizzata su una sedia a rotelle. Ora sta lottando contro una grave depressione.

Ha deciso di farsi un tatuaggio sotto il seno destro mentre era in gravidanza. Una scelta dal prezzo amarissimo. Non solo ha perso il bambino, ma ora è in sedia a rotelle. Il tutto per via di un’infezione.

La protagonista di questa storia è una 16enne colombiana, Luisa Fernanda Buitrago, che ha raccontato il suo dramma su Facebook. Il suo incubo è iniziato, appunto, con quel tattoo sotto il costato.

Subito dopo, la ragazza ha iniziato a sentire dolori alle gambe e ad avere molti problemi di salute.

Dopo alcune visite specialistiche ed esami del sangue, i medici hanno capito che quei problemi erano dovuti a un’infezione profonda. Purtroppo il batterio aveva colpito il midollo spinale della giovanissima.

Ha quindi dovuto sottoporsi a un’operazione per drenare il liquido infetto e togliersi l’appendice: tutto ciò le ha provocato un aborto spontaneo.

”Le medicine a quel punto erano troppe e il feto non lo ha sopportato”, spiega Luisa.

Si fa un tatuaggio mentre è incinta: tutte le sofferenze

Una situazione che ha avuto anche gravi ripercussioni anche sull’aspetto psicologico, come affermato dalla stessa 16enne.

C’è ovviamente da fare i conti coi problemi legati alla mancanza di libertà dopo la paralisi.

“La situazione è stata molto dura, – ha raccontato la ragazza – quando il neurochirurgo mi ha detto ‘non camminerai più’ è stato molto difficile, perché in realtà una giovane su una sedia a rotelle non può fare niente. Per fare qualsiasi cosa ho bisogno di aiuto, non riesco a fare niente da sola. Non sono indipendente e anche la notte ho bisogno di avere qualcuno a disposizione per qualsiasi problema”.

Luisa ha affrontato terapie e operazioni, l’anno scorso si è sottoposta a un intervento per rimuovere pus dalla colonna vertebrale, ma ancora non è riuscita a recuperare un sufficiente livello di autonomia e libertà nei movimenti.

La 16enne, appena diplomata e col sogno di ingegnere ambientale, subirà un altro intervento nelle prossime settimane con cui spera di sentire di nuovo le sue gambe. Fonte: fanpage.it