Ma quale protesta dei giovani? Studenti obbligati a manifestare dai Governi

clima

Proteste per il clima. Studenti delle scuole cattoliche obbligati a manifestare nelle Fiandre – di Leone Grotti

I #FridaysForFuture sono una battaglia dei giovani contro gli adulti e del bene contro il male. Nelle Fiandre l’ambientalismo, da ideologia, è già diventato religione

Gli studenti di 123 paesi sono sfilati ieri in 2052 città ai quattro angoli del globo per protestare contro l’inquinamento e chiedere ai governi politiche più incisive per preservare il pianeta dai cambiamenti climatici.

Il movimento è nato dall’attivismo della sedicenne svedese Greta Thunberg, al cui appello per «salvare il pianeta prima che sia troppo tardi», hanno risposto centinaia di migliaia di persone.

Giovani contro gli adulti

Il movimento di protesta è stato impostato come una rivolta dei giovani contro gli adulti, i genitori, che hanno sfruttato e sfruttano il pianeta senza pensare al futuro dei figli.

Tra le colpe dei padri che ricadono ora sui figli, e che questi ultimi rinfacciano ai primi, ci sono l’uso della plastica, i viaggi in aereo, l’utilizzo dell’automobile, la costruzione di fabbriche vicino agli alberi, il consumo di carne e molte altre rivendicazioni di questo tenore.

La piccola Alice, alunna di nove anni di una scuola elementare di Nettuno, alle porte di Roma, definita da Repubblica la “Greta italiana”, scrive:

«Cari genitori, crescendo avete vissuto una stagione meravigliosa, sfruttando al massimo le risorse che avevate a disposizione».

I miei genitori, dichiara a Repubblica, «hanno avuto un futuro, vogliamo averlo anche noi. Plastica e fabbriche sono la più grande minaccia per la Terra».

Semplificazioni apocalittiche

I #FridaysForFuture sono una battaglia del bene contro il male, ovviamente rappresentato da «multinazionali, compagnie miliardarie e Donald Trump», che si nutre e si alimenta di catastrofismo e semplificazioni apocalittiche, offrendo al complesso problema dei cambiamenti climatici soluzioni ideologiche alla Ocasio-Cortez.

La filosofia di fondo di questo ambientalismo nichilista è semplice: l’uomo è il nemico dell’ambiente e deve ridurre la propria presenza nel mondo per preservarlo.

I giovani che scendono in piazza per il “Global Strike for Future” non si chiedono perché la “formula magica” offerta dal famoso protocollo di Kyoto del 1997, l’abbattimento delle emissioni di Co2 a fronte del collasso dell’economia mondiale, replicata sempre uguale a tutte le Conferenze sul clima, è sempre fallita.

Pensano che gli adulti siano egoisti e cattivi, e tanto basta. Purtroppo “sentirsi bene” non basta affatto per fare davvero del bene.

Se il desiderio dei giovani di «fare la differenza» è bello e positivo, portare in piazza le istanze della peggiore ideologia ambientalista non li aiuterà a raggiungere lo scopo.

E lo scetticismo di chi guarda centinaia di migliaia di giovani – tutti diversi, provenienti da paesi culture e background diversi – sfilare all’insegna degli stessi identici slogan e proporre le stesse abborracciate soluzioni da New York a New Delhi, miracolo della globalizzazione e dell’omologazione del pensiero, non potrà che essere confermato da quanto successo nelle Fiandre.

Studenti obbligati dalle scuole a protestare per il clima

Migliaia e migliaia di studenti hanno sfilato per le strade nella regione fiamminga del Belgio, anche perché le scuole li hanno obbligati a manifestare.

Se si tratta di una battaglia del bene contro il male, si saranno detti i professori, che male c’è a costringere gli studenti a essere buoni prendendovi parte?

Alcuni genitori non hanno accolto positivamente la notizia, accusando le manifestazioni di essere politiche, ma il ministro fiammingo dell’istruzione, Hilde Crevits, in una circolare inviata a tutte le scuole, ha precisato:

«La partecipazione a una manifestazione è un’attività extracurriculare, che può fare parte del progetto pedagogico. Non c’è nessuna obiezione, dunque, a rendere questa attività obbligatoria».

Gli studenti sono dunque stati costretti a protestare contro gli adulti, gli aerei, le fabbriche, la carne e così via.

Le prime scuole a rendere obbligatorie le proteste nelle Fiandre sono state quelle di orientamento cattolico.

Il portavoce dell’insegnamento cattolico ha infatti dichiarato, difendendo la decisione: «Il clima non è un partito politico. Quindi è legittimo rendere le manifestazioni obbligatorie».

Molti vedono nell’ambientalismo un’ideologia. Nelle Fiandre è già diventato una religione. Fonte: Tempi

Maurizio Spezia

Appassionato di sport in generale, ospite fisso su Centro Suono Sport ogni lunedì sera.
E-mail: mauriziospezia81@gmail.com