Sgombero Baobab, ‘150 persone in mezzo a una strada’: finora dov’erano?

baobab

Da Soros ai radical chic: tutti gli amici del Baobab – di Elena Sempione, da Il Primato Nazionale

Sta facendo molto discutere lo sgombero del Baobab, il campo per immigrati «transitanti» allestito dagli antifascisti romani nei pressi della stazione Tiburtina.

L’attuale associazione è rinata nel 2015 come Baobab Experience, dopo che era stato chiuso in quanto parte della cooperativa 29 giugno di Salvatore Buzzi, il boss di «Mafia Capitale».

Da allora gli attivisti si occupano degli immigrati, spesso clandestini, che giungono a Tiburtina, aiutandoli a sfuggire ai controlli.

Su La7 il portavoce Andrea Costa ammise per esempio, molto candidamente, che l’organizzazione aveva aiutato i clandestini della Diciotti ad arrivare a Ventimiglia. Il Baobab, insomma, è diventato una sorta di porto franco per gli immigrati irregolari.

Sgomberato per ben 22 volte negli ultimi tre anni, sembra si sia arrivati all’ultimo atto di questa storia. E mentre Salvini esulta, tutta la sinistra radical chic e autorazzista piange.

Gad Lerner ad esempio, sfidando il senso del ridicolo, cinguetta: «Lo sgombero del centro Baobab di Roma, modello esemplare di accoglienza per migranti e italiani, è un ulteriore salto di qualità della politica repressiva che ha già infierito contro Mimmo Lucano a Riace e le ong del soccorso in mare».

Non si poteva tessere elogio più commosso del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, in effetti.

Monica Cirinnnà contro lo sgombero del Baobab

Anche Monica Cirinnà, madrina di tutte le minoranze, alza al cielo i suoi lamenti: «Lo sgombero del Baobab da parte dell’inumano e crudele Matteo Salvini con la complicità di Virginia Raggi è pura propaganda sulla pelle degli ultimi. Le ruspe sugli alloggi di chi vuole sopravvivere non hanno niente a che fare con la legalità».

Ma tra gli amici dell’associazione non ci sono solo politici e intellettuali di sinistra.

C’è per esempio Myrta Merlino, che non perde occasione per interpellare Andrea Costa a L’aria che tira.

E c’è anche, ultimo ma non ultimo, l’immancabile George Soros, che con la sua Open Society non ha perso tempo a finanziare il Baobab. Fonte Il primato nazionale

Di Maurizio Spezia

Appassionato di sport in generale, ospite fisso su Centro Suono Sport ogni lunedì sera.