Turista sniffa coca sulla tomba di Escobar: ora è costretto a rasarsi – Video

4008
pablo escobar

Sniffa cocaina sulla tomba di Pablo Escobar: cacciato dalla Colombia e allontanato dai suoi figli – di B.C.

Steven Semmens, 35 anni, si è giustificato, sostenendo che la bravata era “un segno di rispetto”, nei confronti del noto narcotrafficante. Ora è stato bandito dal Paese sudamericano per 5 anni.

Un turista britannico si è fatto filmare mentre sniffava cocaina dalla tomba di Pablo Escobar.

Una goliardata che gli è costata carissima: è stato cacciato dalla Colombia, allontanato dai suoi figli per 5 anni e ha persino ricevuto minacce di morte.

Ti potrebbe interessare anche Oppio e cocaina in aumento, l’ONU lancia l’allarme: ecco tutti i rischi

Steven Semmens, 35 anni, è stato filmato mentre versa la polvere bianca nel punto in cui il famigerato boss del Cartello di Medellín è stato sepolto a Itagui, in Colombia, all’inizio di quest’anno.

L’uomo, originario di Swansea, nel Galles, ha detto che lo considerava come un “segno di rispetto“, ma è stato cacciato dalla Colombia – dove vivono la sua compagna e i suoi figli gemelli – per cinque anni.

Mi hanno scritto minacce di morte su Facebook. Hanno detto che se mi avessero trovato mi avrebbero fatto la pelle. Non riesco a vedere i miei figli e questo fa male”, ha detto al Mirror.

Ti potrebbe interessare anche Cocaina: uno su 10 ce l’ha addosso senza saperlo e senza drogarsi

Il tributo a Pablo Escobar oggi è motivo di vergogna per Semmens

A otto mesi dall’incidente, Semmens si è detto “dispiaciuto di quello che ho fatto” e che vuole “scusarsi con il popolo colombiano”.

All’epoca sembrava divertente, ma ora mi vergogno. Tutti dicevano che ero un disonore e stavo facendo passare il Paese sotto una cattiva luce” ha aggiunto il 35enne.

Simmons ha detto che dopo che il video è diventato virale è stato costretto a nascondersi e a rasarsi i capelli per cambiare aspetto prima che la polizia lo trovasse. Fonte Fanpage