Slovacchia, noto giornalista investigativo ucciso insieme alla compagna

giornalista
Foto: Aktuality.sk

Slovacchia, ucciso noto giornalista investigativo insieme alla compagna: aveva 27 anni

  • di Ida Artiaco

Jan Kuciak, 27enne reporter del giornale online Aktuality.sk, è stato ucciso insieme alla compagna nel loro appartamento a Bratislava. Era impegnato in indagini su frodi fiscali, in particolare sui casi di persone vicine al partito al governo dei Democratici sociali.

È giallo in Slovacchia per la morte di Jan Kuciak, noto giornalista investigativo, e della sua compagna. I due sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco, lui al petto e lei alla testa, all’interno del loro appartamento nella cittadina di Velka Maca, a Est della Capitale Bratislava. I loro corpi senza vita sono stati scoperti dalla polizia che aveva ricevuto la segnalazione di un loro familiare, preoccupato perché da alcuni giorni la coppia non aveva risposto al telefono. L’arma non è stata ritrovata.

Secondo il quotidiano Dennik N, il delitto, consumatosi nel weekend, sarebbe legato all’attività del reporter impegnato in indagini su frodi fiscali, in particolare sui casi di persone vicine al partito al governo dei Democratici sociali (Smer) del premier Robert Fico. Kuciak, 27 anni, ha lavorato per l’importante sito Aktuality.sk.

L’impegno di Kuciak contro le frodi

In passato, aveva seguito diverse cause anche contro l’imprenditore Ladislav Basternak, molto vicino a diversi esponenti del partito di governo Direzione-socialdemocrazia (Smer). Il reporter aveva presentato una denuncia per minacce nel settembre del 2017. L’ultimo articolo a sua firma era stato pubblicato lo scorso 9 febbraio, quando ha reso nota la notizia di alcune transazioni sospette da parte di aziende legate all’uomo d’affari Marian Kocner e collegate a un complesso di appartamenti di lusso a Bratislava, che era già diventato il centro di uno scandalo politico lo scorso anno. Centinaia di manifestanti erano scesi in piazza per chiedere le dimissioni del ministro degli Interni, Robert Kalinak, uno stretto alleato del premier Robert Fico, per i suoi rapporti con uno degli imprenditori coinvolti. La sua ipotesi era che questa operazione nascondesse la volontà di Kocner di evadere le tasse. Il capo della polizia Tibor Gaspar ha detto che chiunque fosse in contatto con il giornalista potrebbe essere interrogato e che la polizia fornirà protezione agli altri cronisti di Aktuality.

Le reazioni del mondo politico

È proprio per questo che il presidente slovacco Andrej Kiska ha chiesto che venga fatta al più presto luce sulla vicenda. “Dobbiamo trovare quelli che lo hanno fatto il prima possibile e garantire la sicurezza di tutti i giornalisti”, ha detto il capo dello Stato. Il Primo Ministro Robert Fico ha invece convocato una riunione d’emergenza con il Ministro degli interni Kalinak, l’avvocato generale dello Stato, il capo della polizia nazionale e il capo dei servizi segreti. “Se fosse dimostrato che la morte del reporter investigativo sia legata al suo lavoro giornalistico, si tratterebbe di un attacco senza precedenti alla libertà di parola e alla democrazia in Slovacchia”, ha detto.

Non si tratta del primo giornalista assassinato in Slovacchia, dieci anni fa aveva destato molto scalpore la morte di Pavol Rypal, che seguiva da vicino diverse cause inerenti a fatti di corruzione. Sul caso si è pronunciato anche il presidente dell’Europarlamento, Antonio Tajani, che ha fatto un appello alle autorità della Slovacchia affinché accertino il prima possibile le responsabilità per l’omicidio del giornalista Jan Kuciak. “L’Ue non può accettare che un giornalista sia ucciso mentre fa il proprio mestiere” ha scritto Tajani su Twitter, ricordando anche l’omicidio di un’altra cronista, Daphne Caruana Galizia, assassinata a Malta lo scorso anno. “Come con #DaphneCaruanaGalizia – ha scritto – il Parlamento europeo non avrà pace finché non sarà fatta giustizia”. Quello di Kuciak è il cinquantesimo omicidio di un reporter nell’Unione Europea in 10 anni.

Fonte: fanpage.it

Denise Baldi

Chimica appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale. Interessata ai metodi educativi dolci che lasciano libertà al bambino. Amante della cucina.
Fare buona informazione è il suo scopo primario.
E-mail: baldidenise1982@gmail.com