Olanda, tenta il suicidio impiccandosi in Parlamento: “Non mi fermerò finché non avrò una risposta”

418
parlamento

Choc in Olanda, tenta il suicidio impiccandosi in Parlamento: “Scusate, ma dovevo farlo”

  • di Ida Artiaco

Un uomo si è gettato nel vuoto dalla galleria destinata ai visitatori all’interno del Parlamento olandese. I deputati presenti in aula sono stati sorpresi dal tonfo provocato dalla caduta e hanno chiesto aiuto. Si tratterebbe di un attivista impegnato a favore della legalizzazione della marijuana. Su Facebook ha scritto “Non mi fermerò finché non avrò una risposta”.

Ha tentato di legare un cappio alla ringhiera, poi è saltato nel vuoto gettandosi dalla galleria destinata ai visitatori all’interno del Parlamento olandese. È successo questa mattina, giovedì 22 marzo, a L’Aia dove un uomo ha provato a suicidarsi, facendo un volo che si è concluso con la caduta al suolo, dopo che la corda che aveva utilizzato non ha retto.

Lo riferisce il quotidiano nazionale De Telegraaf, citando le testimonianze di alcuni commessi che hanno assistito increduli alla scena, mentre in aula il parlamentare Arno Rutte stava tenendo il suo discorso. I deputati, impegnati nel dibattito, sono stati sorpresi dal tonfo provocato dalla caduta dell’uomo che, tra le urla dei presenti, è stato soccorso e portato via in barella. Non si conoscono le sue condizioni attuali ma non sarebbe in pericolo di vita.

Stando sempre a quanto riporta la stampa locale, si tratterebbe di Hans Kamperman, un attivista accampato da alcune settimane fuori al Parlamento, impegnato in una protesta per chiedere la legalizzazione della marijuana e dell’hashish. Il suo gesto è stato ripreso dalle telecamere presenti in aula e ben presto ha fatto il giro del web. Nel filmato si sente un tonfo e si vede Rutte, impegnato nel suo discorso, portarsi la mano alla bocca e chiedere aiuto. Un parlamentare ha raccontato di come insieme ad un suo collega abbia cercato di bloccarlo per impedire che gli si rompesse il collo. Poco prima di gettarsi nel vuoto, ha scritto un messaggio apparso sulla sua bacheca Facebook: “Scusate, devo farlo. I politici si devono svegliare rispetto alle discussioni in corso su questo tema. Non riesco a fare nulla solo con le parole, servono azioni e non mi fermerò finché non avrò una risposta”. Nei famosi coffee shop olandesi, infatti, si possono acquistare solo fino a 5 grammi di cannabis al giorno a persona, come stabilisce la legge. Altri tipi di sostanze allucinogene sono ammesse ma sempre e solo in piccole quantità, cosa che evidentemente per Kamperman non è abbastanza.

Fonte: fanpage.it