Selvaggia Lucarelli la spara grossa su Desirée, fan indignati: ‘Vergognati’

5634
selvaggia lucarelli

“Altro che angelo, Desirée era solo una drogata”: l’ultima di Selvaggia Lucarellidi Elena Sempione

Roma, 26 ott – La provocazione fa parte del Dna di Selvaggia Lucarelli, questo è risaputo.

Però, è ovvio, c’è provocazione e provocazione. Quella di ieri, per esempio, a molti non è piaciuta affatto.

Il post di Selvaggia Lucarelli

Mentre è ancora in corso la caccia agli assassini di Desirée Mariottini, ecco che la Selvaggia nazionale se ne esce così su Facebook:

«Quindi Cucchi che spacciava e si drogava vittima delle forze dell’ordine italiane era un tossico di merda, Desiree che era stata denunciata per spaccio e si drogava vittima di stranieri era un angelo volato in cielo. La doppia morale di tanti italiani».

Come detto, il commento facebookiano della Lucarelli ha finito per indignare moltissimi suoi follower.

Una lettrice, per esempio, scrive: «Che paragoni fai, mi fa specie che sei una mamma… aveva solo 16 anni solo… 16 anni, una bimba. Vergognati!».

E c’è anche chi cerca di smontare il paragone fatto da Selvaggia: «Ah non sapevo che Cucchi fosse stato drogato, stuprato e poi massacrato a coltellate».

Qualcuno solleva anche dubbi sul movente politico del post: «Il tuo commento è privo di umanità per questa ragazza, forse sei una maglietta rossa anche tu, ma di fronte alla morte forse ci si dovrebbe dimenticare della fede politica».

Davanti a questi commenti (e altri ben più duri), alla fine la Lucarelli sbrocca: «I commenti a questo post (che non era neppure particolarmente criptico) sono una panoramica sconfortante dell’analfabetismo funzionale come piaga inestirpabile. Tocca rassegnarsi».

Insomma, qui Selvaggia torna alle origini e alla spocchia tipica della sinistra: non sei d’accordo con quello che dico? Allora sei un analfabeta funzionale.

E poi si lamentano che non se li fila più nessuno. Fonte: IL PRIMATO NAZIONALE – Titolo originale: “Altro che angelo, Desirée era solo una drogata”: l’ultima della Lucarelli