Se sei uno spirito ribelle queste 15 frasi di Max Striner fanno per te

664

15 frasi di Max Stirner per gli spiriti ribelli – di Jennifer Delgado Suarez da L’angolo della psicologia

“Nel frontespizio del nostro secolo non si legge più la massima delfica ‘Conosci te stesso’, ma quest’altra: ‘Sfrutta te stesso’”, scrisse il filosofo Max Stirner agli inizi del XIX secolo, e le sue parole si rivestono di un alone profetico e sono in sintonia con il concetto di società della stanchezza di Byung-Chul Han.

Interessanti e controverse, molte delle idee e frasi di Max Stirner sono rimaste sepolte nell’oblio, in buona parte perché troppo scomode e vanno contro lo status quo.

Tuttavia, questo filosofo esaltò come nessun altro il potere del nostro “io” e incoraggiò a combattere per la libertà personale, al punto che molte delle sue parole sono dardi scagliati direttamente al centro della nostra coscienza: “Conoscete voi stessi […] Rinunciate ai vostri sforzi ipocriti, quella sciocca follia di essere qualcosa di diverso da ciò che siete.”

Riflessioni di Max Stirner che ci guidano verso la essenziale decostruzione personale

1. La libertà non può essere concessa gentilmente, deve essere conquistata gloriosamente

Stirner pensava che “la libertà appartiene a chi se la prende […] Chi non è altro che ciò che lo rendono le circostanze o la volontà di un terzo, possiede solo ciò che questo terzo gli concede”. Era convinto che “ciò che ci viene dato non ci appartiene come proprio”.

Per questo motivo ci incoraggia a lottare per quello che desideriamo, a liberarci dalle catene sociali che noi stessi possiamo aiutare a costruire in determinati momenti.

Ci incoraggia a prendere in mano le redini della nostra vita, senza aspettarci che qualcun altro ci dia il permesso di farlo.

2. Ogni libertà è essenzialmente una auto-liberazione

“Uno deve saper infrangere la propria fede e persino il suo giuramento se vuole determinarsi”.

Una delle idee di Max Stirner, che si riflette in tutte le sue opere, è che la vera libertà implica un atto di decostruzione e ribellione personale.

Per prima cosa dobbiamo realizzare tutte le costruzioni sociali che abbiamo interiorizzato, come i principi, le credenze ei valori che non appartengono a noi e con i quali non ci identifichiamo pienamente, quindi dobbiamo fare un passo avanti e costruire i nostri propri valori e principi. Solo questo atto d’introspezione può condurci alla libertà.

3. Più impariamo a conoscerci, più ridiamo di ciò che consideravamo insormontabile

Sappiamo che abbiamo superato un ostacolo o un problema solo quando siamo in grado di guardare indietro e ridere dell’accaduto, o almeno vederlo da una prospettiva talmente distaccata da permetterci di notare quanto era inutile preoccuparci.

Se il nostro passato, continua a generare sentimenti come odio e rancore, ansia o angoscia, è perché non lo abbiamo ancora superato e ne siamo prigionieri.

4. Cosa gli servirà all’uomo conquistare l’universo, se con ciò danneggerà la sua anima?

Con questa frase Max Stirner trasmette l’idea che la strada è spesso più importante della meta, la persona in cui ci siamo trasformati durante la vita è di gran lunga più importante dei risultati che abbiamo raggiunto.

Ci incoraggia anche a chiederci quanto siamo disposti a sacrificare per raggiungere determinati obiettivi. Potremmo scoprire che il gioco non vale la candela.

5. Ogni interesse, qualunque esso sia, mi rende, quando non so liberarmene, suo schiavo

In una società dei consumi in cui le persone non valgono per quello che sono ma per ciò che hanno, questa idea acquista la sua importanza.

Stirner ci avvertì che tutto ciò su cui concentriamo la nostra attenzione in modo ossessivo ci rende schiavi perché limita la nostra attenzione, il nostro pensiero critico e ci priva della nostra capacità di desiderare qualcosa di diverso.

Questo pensiero di Max Stirner si applica ai beni materiali come alle relazioni interpersonali o anche alle idee.

Tutto ciò di cui non siamo in grado di liberarci può finire per diventare la nostra prigione.

6. Se permetti ad un altro di darti ragione, devi anche consentirgli di togliertela

Stirner considerava improduttivo discutere per avere ragione. Tutte queste discussioni quotidiane in cui non cerchiamo l’intendimento autentico, ma solo la convalida e l’approvazione definitiva da parte del nostro interlocutore, non sono una vittoria vera, ma comportano la sottomissione alla volontà dell’altro.

Quando siamo certi di qualcosa, non dovremmo subordinarla all’approvazione esterna, che è spesso labile come il vento, ma dovemmo continuare con quell’idea o progetto. Cercare l’approvazione degli altri genera solo dipendenza.

7. Se sei incatenato a quello che hai fatto in passato e devi blaterare di quello che hai fatto ieri, non puoi trasformare te stesso in ogni istante

Stirner ci incoraggia a liberarci dal giogo del passato e dal pesante fardello emotivo e morale che rappresenta.

Possiamo solo decostruirci quando abbandoniamo la necessità di guardare continuamente indietro nella ricerca di scuse per i nostri comportamenti e modi di pensare.

L’atto di trasformazione personale può iniziare dal passato, per capire perché siamo come siamo, ma deve continuare guardando al futuro.

Altrimenti, diventa un atto di autoaffermazione di vecchie credenze e zavorre esperienziali.

8. Chi è soddisfatto di ciò che è e di ciò che ha, non vuole cambiare lo stato delle cose

Il vero cambiamento viene dall’insoddisfazione. Anche se spesso evitiamo i conflitti perché risultano scomodi al nostro “io”, sono queste contraddizioni e insoddisfazioni che ci spingono a cambiare lo stato delle cose.

Quindi, dobbiamo capire che i concetti rivestiti socialmente di un’aura negativa, come l’insoddisfazione, i conflitti ei problemi sono in realtà la pietra angolare del cambiamento e dell’evoluzione, sono il carburante che alimenta il nostro “io” e lo spinge ad uscire dalla sua zona di comfort.

9. L’uomo maturo si distingue dal giovane perché accetta il mondo così com’è, senza vedere ovunque mali da correggere, torti da raddrizzare, e senza cercare di plasmarlo secondo il suo ideale

Nel pensiero di Max Stirner, la maturità psicologica equivale a una sorta di accettazione radicale.

L’accettazione non è una rassegnazione passiva, ma implica la comprensione del mondo così com’è, in modo tale che questo smette di essere fonte di disagio.

La maturità implica non combattere contro i mulini a vento, ma scegliere saggiamente le battaglie che vale la pena combattere e accettare tutto ciò che non possiamo cambiare, invece di cercare di plasmare la realtà sulla nostra idea di come dovrebbero essere le cose.

Paradossalmente, questo atto di “accettazione” ci libera perché ci consente di focalizzare la nostra attenzione e le nostre risorse su ciò che è veramente utile.

10. L’abitudine alla rinuncia congela l’ardore dei desideri

Stirner pensava che l’educazione a cui ci sottopone la società è un processo di costante rinuncia.

Rinunciamo a giocare, che è ciò che desideriamo davvero, per passare ore seduti a una scrivania.

Spesso rinunciamo a dire ciò che pensiamo per essere politicamente corretti. E spesso rinunciamo anche ai nostri valori e ai nostri sogni per adattarci a determinati gruppi. Il prezzo di queste rinunce è la perdita della nostra capacità di desiderare.

Quando necessitiamo mettere a tacere il nostro “io” per inserirci nella società, terminiamo perdendo il contatto con i nostri veri desideri, quindi abbracciamo i desideri degli altri, vogliamo quello che hanno gli altri, nella speranza vana e inutile che ci rendi felice.

11. Le persone, generalmente, non pensano oltre ciò che pensarono i loro maestri

Questa frase di Max Stirner ci mette in guardia sull’importanza del libero pensiero perché, secondo le sue parole: “lo Stato mi dà un’educazione e un’istruzione adatte a lui e non a me”.

Non possiamo perdere di vista il fatto che l’educazione è un processo di preparazione dell’individuo da inserire nella società, generalmente attraverso la trasmissione di quelle – e solo di quelle – conoscenze e abilità che sono considerate necessarie.

Sfortunatamente, molte persone restano intrappolate per tutta la vita in questo processo educativo e non sono in grado di sviluppare un pensiero libero, autonomo e critico.

12. Ciò che non vede l’intelligenza degli intelligenti, lo vede nella sua semplicità l’anima del bambino

In linea con l’idea precedente, Stirner ci mette in guardia sui pericoli della presunta “intelligenza”, un’intelligenza che è stata attentamente modellata nel processo educativo e che spesso non è in grado di superare i suoi confini.

Per sfuggire a questi condizionamenti che limitano il nostro pensiero dobbiamo tornare bambini, il che significa guardare il mondo con curiosità, ma anche mettere tutto in discussione, chiedendoci il perché delle cose, anche quelle che sono sempre state fatte così o che tutti danno per scontate. Allora si apre davanti a noi un sentiero completamente nuovo.

13. Meglio l’uomo che rifiuta tutto e tutti, di colui che acconsente sempre

“L’influenza morale inizia dove inizia l’umiliazione, sotto la quale l’orgoglio, costretto a piegarsi o spezzarsi, lascia il posto alla sottomissione”, scrisse Stirner.

Ed è per questo che pensava che la persona che si oppone a tutto sia migliore, perché dimostra di avere almeno un criterio proprio, rispetto a quella che è sempre d’accordo con gli altri, perché può essere facilmente manipolata.

14. Colui la cui unica preoccupazione è vivere, non può pensare di godersi la vita

Questa frase di Max Stirner riprende un’idea taoista secondo cui, non possiamo trovare serenità e pace interiore semplicemente perché la nostra ardente ricerca ce lo impedisce.

Se siamo troppo preoccupati di approfittare di ogni momento, di non perderci nulla, di vivere la vita al massimo, come succede oggi a molte persone, otteniamo solo di sprofondare in un vortice che ci impedisce di goderci veramente la vita.

Quindi, più desideriamo approfittare della vita, più la sprechiamo cadendo in una spirale di impegni e attività in una corsa contro il tempo.

15. Davanti al sacro ognuno perde tutto il suo potere, si sente impotente e si umilia. Nulla, tuttavia, è sacro in sé, io solo lo consacro. Ciò che canonizza è il mio pensiero, il mio giudizio, in una parola, la mia coscienza

Questa frase di Max Stirner è centrale nel suo pensiero filosofico perché ci incoraggia a mettere in discussione le cose più basilari, proprio quelle che consideriamo sacre.

Ci ricorda che nulla è sacro in sé, che siamo noi che accettiamo e assegnamo a certe cose la categoria di “sacro”. E ci avverte che una volta che abbiamo posto sopra a tutto il nostro ideale sacro, questo ci toglie tutto il nostro potere e ci domina.

Stirner, M. (1976) El único y su propiedad. Pablos Editor: México. Fonte: Angolo della psicologia