Vitamina B6, ecco cosa e come sogni se l’assumi prima di dormire

vitamina b6

Ricordare i sogni e renderli reali, con la vitamina B6 è possibile: quanta ne serve – di Andrea Centini

Ricercatori australiani hanno dimostrato che assumere alte dosi di Vitamina B6 prima di andare a dormire ci aiuta a ricordare meglio i nostri sogni e a renderli più chiari.

Assumere alte dosi di vitamina B6 prima di andare a dormire aiuta a ricordare i propri sogni.

Lo ha dimostrato un team di ricerca della Scuola di Psicologia presso l’Università di Adelaide, Australia, che ha condotto un esperimento con un centinaio di volontari.

I partecipanti, che non sapevano cosa stessero assumendo, sono stati suddivisi in due gruppi; il primo trattato con un integratore di vitamina B6 – pillole da 240 milligrammi – e il secondo con un classico placebo.

Al termine dell’esperimento, durato cinque giorni consecutivi, i ricercatori guidati dal professor Denholm Aspy hanno intervistato i volontari, dimostrando che quelli trattati con vitamina B6 – nello specifico piridossina cloridrato – avevano sogni più facili da ricordare e non ne perdevano frammenti col passare delle ore.

È noto infatti che il ricordo dei nostri sogni è molto labile, e dopo poco tempo li si dimentica quasi del tutto.

Ciò è dovuto al fatto che i processi biologici legati alla memoria a lungo termine non sono attivi durante il sonno.

Ad esempio, il neurotrasmettitore norepinefrina, fondamentale per imprimere i ricordi, viene prodotto in scarse quantità mentre dormiamo.

Sognare con la vitamina B6

Alte dosi di vitamina B6, conosciuta anche col nome di adermina, riescono invece a cristallizzare i sogni nella nostra mentre, rendendoli persino più ‘reali’.

“Non vedevo l’ora di andare a letto e sognare”, ha sottolineato uno dei partecipanti all’esperimento, emozionato per gli effetti della sostanza.

Nonostante l’impatto positivo sul ricordo, “la vitamina B6 non influenza la vividezza, la bizzarria o il colore dei sogni e non influenza altri aspetti degli schemi di sonno”, ha tenuto a precisare il professor Aspy.

Secondo gli studiosi un utilizzo programmato della vitamina B6 potrebbe aiutare le persone a controllare i propri sogni (i cosiddetti sogni lucidi), con vari e potenziali effetti benefici sulla salute.

“Può essere possibile usare il sogno lucido per superare gli incubi, trattare le fobie, risolvere i problemi creativi, perfezionare le capacità motorie e persino agevolare la riabilitazione da traumi fisici”, ha sottolineato l’autore principale dello studio.

La vitamina B6 è presente in numerosi alimenti di origine animale e vegetale, come banane, ceci, formaggio e carne, ma l’assunzione prolungata della sostanza in alte dosi potrebbe avere effetti imprevedibili sulla salute.

I partecipanti che hanno assunto le pillole da 240 milligrammi hanno dimostrato una maggiore stanchezza e una qualità del sonno inferiore rispetto ai pazienti trattati col placebo, nonostante la maggior capacità di ricordare i propri sogni.

I dettagli della ricerca australiana sono stati pubblicati sulla rivista scientifica specializzata Perceptual and Motor Skills. Fonte: fanpage.it

Denise Baldi

Chimica appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale. Interessata ai metodi educativi dolci che lasciano libertà al bambino. Amante della cucina.
Fare buona informazione è il suo scopo primario.
E-mail: baldidenise1982@gmail.com