Henry David Thoreau: ecco perché gli uomini vivono come idioti

0
henry david thoreau

Come liberarci dalla prigione della nostra vita, secondo Henry David Thoreau – di Jennifer Delgado Suárez

“Per un apparente destino comunemente chiamato necessità, gli uomini si dedicano, secondo un vecchio libro, ad accumulare tesori che la tignola e la ruggine rovineranno e i ladri entreranno a rubare.

Questa è la vita di un idiota, come gli uomini capiranno quando arriveranno alla fine di essa, se non prima”, scrisse Henry David Thoreau, che visse quasi come un eremita per due anni per liberarsi dalla prigione della propria vita.

Figlio di una famiglia povera di immigrati francesi, i suoi compagni di classe lo prendevano in giro perché non poteva comprarsi un cappotto decente.

La sua famiglia prosperò grazie al fatto che il “figliol prodigo” applicò agli affari di famiglia ciò che aveva imparato ad Harvard, inventando una matita migliore e perfezionando la macchina per fabbricarla.

Tuttavia, c’era qualcosa di strano in quel ragazzo che non si accontentava del destino che che gli era toccato e si rifiutava di piegarsi alle norme dettate dalla società del tempo.

Nel luglio 1845 decise di rompere il cordone ombelicale. Costruì una capanna sul lago Walden e vi visse per due anni, lontano da tutto e tutti.

Ti potrebbe interessare anche Ecco le antiche regole di Seneca per eliminare il 92% delle ansie moderne

Le riflessioni di Henry David Thoreau

Nel suo rifugio si dedicò a scrivere, leggere, godersi la natura e, soprattutto, riflettere. Rifletté su un mondo in cui temeva che pensare fosse fuori luogo.

“Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e vedere se fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi, senza scoprire, in punto di morte, di non aver vissuto”, furono le sue parole.

Le sue preoccupazioni e le sue riflessioni erano incisive e attuali a metà del diciannovesimo secolo come lo sono oggi.

Le sue parole sono come uno schiaffo per tutti coloro che si sono abituati a una vita soffocante piena di preoccupazioni inutili, una “vita di silenziosa disperazione”, come lui stesso la definì.

Cerca instancabilmente la tua verità, non accontentarti della verità degli altri. Thoreau sostiene che diventiamo schiavi perché non siamo in grado di farci carico delle nostre vite.

Possiamo sentirci frustrati e intrappolati ma, invece di cercare la via d’uscita, ci accontentiamo di quella terribile illusione chiamata rassegnazione.

Ci guardiamo attorno e, anche se non ci piacciono molte cose, ci consoliamo pensando che tutti facciano lo stesso. Non capiamo questo “male di molti, consolazione degli imbecilli”.

Siamo convinti che i modi di pensare, sentire o agire che la società ci ha insegnato siano gli unici possibili.

E questa certezza è ciò che ci tiene legati a una situazione che non ci piace, produce persino un chiaro disagio o ci danneggia. Invece di vivere, sopravviviamo nella piccola zona di comfort che abbiamo costruito.

Mettere tutto in discussione è il segreto del cambiamento

Per uscire da quel circolo vizioso, il primo passo è mettere in discussione tutto, non dare nulla per scontato, nemmeno quello che ci è stato insegnato da bambini o le regole, le credenze e le idee con le quali tutti intorno a noi sono d’accordo.

Thoreau disse: “non puoi fidarti di nessun modo di fare o pensare, non importa quanto antico, senza prove. Quello che ognuno sceglie o accetta in silenzio come verità indiscutibile, domani può diventare una menzogna”.

Solo quando iniziamo a mettere in discussione le cose, invece di rassegnarci ad esse, possiamo davvero cambiare. Un cambiamento che ci porta all’autoliberazione.

Il cammino verso la libertà personale inizia con la semplicità. “Il paradiso è sotto i nostri piedi e sopra le nostre teste”, disse Thoreau, e in queste righe possiamo vedere che, nonostante la sua disillusione nei confronti della società, era anche fermamente convinto che possiamo essere felici qui e ora.

Il percorso che propone è una vita significativa segnata dalla semplicità: “qualunque sia il significato della tua vita, trovalo e vivilo: non respingerlo […] Coltiva la povertà come un’erba del giardino. Non preoccuparti di ottenere cose nuove, vestiti o amici. Le cose non cambiano, noi siamo quelli che cambiano. Vendi i tuoi vestiti e fai tesoro dei tuoi pensieri.”

Quando Thoreau affermava che accumulare beni è stupido, si riferiva al fatto che il prezzo psicologico che paghiamo per questi oggetti è troppo alto e spesso non ne siamo neppure consapevoli.

“Il prezzo di una cosa è la quantità di vita necessaria per acquistarla”. Quante ore della nostra vita siamo disposti a sprecare per acquistare prodotti tecnologici sempre più grandi, attuali o semplicemente più belli?

Per Henry David Thoreau l’uomo è schiavo della società

La sua idea che “gli uomini sono diventati strumenti dei loro strumenti”, schiavi della società dei consumi al punto di non rendersi conto di come le cose che hanno creato hanno finito per dominarli imponendo loro a cosa dedicare il tempo, è più attuale di mai.

Produciamo con obsolescenza programmata per costringerci a sostituire rapidamente gli oggetti e ci adattiamo volentieri ai cambiamenti nei paradigmi di ciò che è considerato bello per continuare a seguire ansiosamente la moda.

Quindi, per stare al passo con la società dei consumi, dobbiamo mantenerci occupati a generare la ricchezza che poi sprecheremo in cose di cui non abbiamo bisogno.

Il problema è che questa iperattività ci impedisce effettivamente di pensare a ciò che stiamo facendo della nostra vita.

Infatti, Thoreau ci avverte che “non è abbastanza essere occupati, anche le formiche lo sono. La domanda è: in cosa siamo così occupati?”

Questo filosofo voleva che trovassimo un significato a tutto ciò che facciamo, un senso personale.

E per indagare su ciò che vogliamo veramente, dobbiamo liberarci di tutto ciò che “non” vogliamo veramente. Allora la vita acquista un’altra prospettiva.

“Quando semplifichi la tua vita, le leggi dell’universo si semplificano; la solitudine cessa di essere solitudine, la povertà non è più povertà e la debolezza non è debolezza”.

Abbracciare la semplicità, essere consapevoli di tutto ciò che è irrilevante e superfluo, è estremamente liberatorio perché ci permette di abbandonare il ruolo di schiavi ed entrare nella società come persone libere che tengono in mano le redini della loro vita e decidono realmente ciò che vogliono.

E questo è un enorme cambiamento che non tutti hanno il coraggio di mettere in pratica. Fonte: Angolo della psicologia