Poliziotto cannibale voleva mangiare 100 donne e tenere la figlia con sé

cannibale
Immagine: http://www.bergamosera.com/cms/2013/02/27/poliziotto-cannibale-voleva-mangiare-100-donne/

Il poliziotto cannibale che voleva mangiare 100 donne: “Voglio l’affidamento di mia figlia” – di B.C.

Gilberto Valle fu arrestato e condannato nel 2013 dopo che sua moglie (poi diventata ex) scoprì le “sconvolgenti” chat sul suo computer.

Dopo 21 mesi, è uscito dal carcere perché il giudice ha ritenuto quelle parole “solo le fantasie sessuali di uomo”. Ma nei giorni scorsi è stato costretto ad abbandonare la sua battaglia per la custodia della figlia di 6 anni.

Quando nel 2012 fu arrestato, stava progettando di uccidere e mangiare più di 100 donne. A denunciare Gilberto Valle, poi divenuto famoso come ‘Cannibal Cop’, il Poliziotto Cannibale, fu sua moglie Kathleen Mangan, 32enne. Da allora, parallelamente al processo nei confronti dell’uomo, è partita una causa per la custodia della figlia della coppia, Josephine.

Nonostante il verdetto di colpevolezza rovesciato, Valle ha deciso di rinunciare a questa battaglia: troppo alte le spese legali che l’ex agente deve corrispondere all’ex moglie (si parla di circa $ 50.000), così che Valle si è visto costretto a rinunciare anche al diritto di far visita alla bambina, che oggi ha 6 anni.

Chi è Gilberto Valle. Gilberto Valle era un poliziotto del NYPD quando nel 2009 creò l’account ‘Girlmeat Hunter’ su un sito web per feticisti. “Avevo qualcosa di sbagliato. Mi ero avvicinato al cannibalismo e al mondo del BDSM, fondamentalmente solo per la dominazione. E ci sono siti web che si occupano di questo genere di cose”, ha detto a DailyMail TV in un’intervista all’inizio di quest’anno.

Sua moglie Kathleen iniziò ad insospettirsi perché il marito passava ore e ore di fronte al computer, soprattutto di notte, arrivando ad installare degli spyware sul proprio PC. “Inizialmente pensava che la tradissi. Ma quel che trovò, la sconvolse. C’erano chat con altre persone sul cannibalismo e la schiavitù e stavo usando foto di donne e cose del genere” ha spiegato Valle. La donna era convinta che l’uomo sarebbe arrivata a uccidere e mangiare anche lei.

Il poliziotto cannibale e la causa per la figlia. L’ex poliziotto fu condannato nel 2013, ma dopo 21 mesi di carcere un giudice annullò il verdetto di colpevolezza, stabilendo che Valle “si stava solo concedendo le sue fantasie sessuali in una chat room di cannibalismo” e fu quindi rilasciato.

Mentre era dietro le sbarre, la moglie gli presentò i documenti per il divorzio con l’uomo che decise di affidarle la piena custodia della figlia mentre cercava di dimostrare la sua innocenza. La successiva causa legale per la custodia di Josephine al momento è sospesa. Valle ora vive a Reno, in Nevada, a migliaia di chilometri di distanza dalla figlia e dalla ex che abitano ancora a New York.

Fonte: Fanpage – Ti potrebbe interessare anche: “Guardano una vecchia foto dopo anni di matrimonio e quello che scoprono è incredibile”

Laura

Moglie e mamma felice, amante della cucina e dei rimedi naturali. Da qualche anno appassionata di reality poiché, guardando oltre, mi piace analizzarne la componente socio-antropologica.
E-mail: laura.losai@gmail.com