Piangere fa bene: ecco perché non dovremmo mai reprimere le lacrime

136

Piangere fa bene: perché non dovresti reprimere le lacrime – di Jennifer Delgado Suarez

Piangere fa bene alla salute. Sembra un paradosso. Nella nostra mente perfettamente logica e razionale è difficile accettare che il pianto, un atto che normalmente viene associato alla tristezza o alla frustrazione, possa avere qualche relazione con il benessere.

Tuttavia, le lacrime tanto decantate dai poeti e che spesso ci sforziamo di reprimere e nascondere perché socialmente disapprovate in quanto sinonimo di debolezza e vulnerabilità, possono effettivamente essere più benefiche di quanto immaginiamo.

Piangere ci connette agli altri

Il pianto è una risposta naturale molto efficace per chiedere cure, attenzioni e conforto agli altri, come concluso da uno studio condotto all’Università di Tilburg.

Questi psicologi hanno scoperto che le persone si sentivano più legate a coloro che si mostravano propensi al pianto e li percepivano come più vicini, amichevoli e bisognosi d’aiuto.

Non c’è dubbio che la tristezza, e la sua espressione più universale, le lacrime, è un’emozione agglutinante.

Quando siamo tristi, siamo più vulnerabili, è vero, ma quella stessa vulnerabilità ci consente di connetterci meglio con gli altri per trovare l’aiuto di cui abbiamo bisogno.

Quel supporto sociale è molto importante per il nostro benessere. Ciò significa che, in alcuni casi, non piangere e nascondere la nostra vulnerabilità dietro una maschera di forza e freddezza può allontanarci dagli altri.

Naturalmente, questo non significa che piangere sia l’unico modo di chiedere aiuto, ma non c’è dubbio che ci avvicina agli altri, soprattutto quando il dolore è grande e non ci sono parole per esprimerlo.

Non possiamo dimenticare che piangere ci rende nudi e quel livello di esposizione intima genera legami molto stretti con le persone che abbiamo accanto.

Infatti, è stato dimostrato che il pianto liberatore è quello che stabilisce una relazione sociale e funge da “rimedio relazionale”.

Quando le persone piangono in un ambiente freddo o dove non c’è interazione sociale positiva, il pianto di solito peggiora il loro umore perché provoca imbarazzo o vergogna.

Il pianto è catartico

Reprimere le emozioni ci rende infelici. Le emozioni che non vengono espresse finiscono nell’inconscio, da dove esercitano un’influenza negativa sul nostro benessere.

Non essere in grado di esprimere disagio, tristezza o frustrazione, sentendosi obbligati a reprimere il pianto, può avere un effetto più negativo del semplice dare libero sfogo alle nostre emozioni.

Il filosofo Seneca lo aveva già detto quando affermava che “non c’è maggior motivo per piangere che non poter piangere”.

In effetti, uno studio condotto presso la Stanford University ha scoperto che le persone che reprimono le loro emozioni reagiscono in modo eccessivo alla pressione e allo stress, con un maggiore aumento della pressione sanguigna rispetto alle persone ansiose.

Questo ci dice che questa “calma apparente” non è molto buona per il nostro equilibrio mentale.

Al contrario, gli psicologi dell’Università del Sud della Florida analizzarono gli effetti terapeutici del pianto.

La prima cosa che scoprirono è che il 70% delle persone affermò che il pianto è confortante. All’inizio si sentirono tristi, poi riacquistarono l’equilibrio e quindi migliorarono sensibilmente il loro umore, un effetto positivo che durò per circa 90 minuti.

Infatti, è noto che il pianto si compone di due fasi: la prima (inizio) ha un effetto attivante attraverso l’aumento della frequenza cardiaca, ma subito dopo (seconda fase) ha un effetto calmante riducendo la frequenza respiratoria.

È anche noto che le lacrime emotive contengono alti livelli di ormoni dello stress, che spiegherebbe anche perché sono benefiche e persino catartiche.

A questo si aggiunge che quando finiamo di piangere, la nostra mente è più serena, così da essere in grado di analizzare la situazione da un’altra prospettiva.

Questo perché le nostre emozioni si sono equilibrate e la nostra mente razionale è pronta ad agire.

Pertanto, la prossima volta che hai voglia di piangere, non trattenere le lacrime. Forse quel momento è tutto ciò di cui hai bisogno per recuperare la calma, vedere le cose da una prospettiva diversa o semplicemente liberarti dalle emozioni che ti fanno soffrire.

Fonti: Vingerhoets, J. M. et. Al. (2016) The social impact of emotional tears. Motiv Emot; 40: 455–463. 

Gračanin, a. et. Al. (2015) Why crying does and sometimes does not seem to alleviate mood: a quasi-experimental study. Motivation and Emotion; 39(6): 953-960. 

Barraza, J. A. & Zak, P. J. (2009) Empathy toward strangers triggers oxytocin release and subsequent generosity. Ann N Y Acad Sci; 1167:182-189. 

Hendriks, M.C.; Rottenberg, J. & Vingerhoets, J.J. (2007) Can the distress-signal and arousal-reduction views of crying be reconciled? Evidence from the cardiovascular system. Emotion; 7: 458–463. 

Rottenberg, J.; Bylsma, L. M. & Vingerhoets, J. J. (2005) Is Crying beneficial? Current Research in Psychological Science; 17(6): 400-404. 

King, A. C. et. Al. (1990) The relationship between repressive and defensive coping styles and blood pressure responses in healthy, middle-aged men and women. J Psychosom Res; 34(4): 461-471. Fonte L’angolo della psicologia