Pedicure, qualcosa va storto per una 35enne: “Ho quasi perso una gamba”

895
pedicure

Va a fare la pedicure e quasi perde una gamba: “Ho avuto paura di morire, colpa delle forbici” – di B.C.

Tracy Lynn Martinez, 35enne americana, riporterà sulla sua pelle per tutta la vita le conseguenze di quella che avrebbe dovuto essere una normale pedicure.

Dovrà indossare per sempre delle calze elastiche a compressione per proteggere la gamba da un’altra infezione. Ma sarebbe potuto andare anche peggio, dice lei.

Sono immagini molto forti quelle che una donna americana ha deciso di condividere su Facebook.

Lo ha fatto per mettere in guardia il prossimo su quella che all’apparenza può sembrare una procedura semplice, ma che, stando al suo racconto, le ha quasi fatto perdere una gamba.

Tracy Lynn Martinez, 35enne, ha deciso di fare una pedicure in un salone locale: ha rimediato una grave infezione al piede, che lei sostiene essere stata causata da una forbice.

“Volevo solo condividere la mia storia per salvare qualcuno che possa passare quello che sto passando io e addirittura peggio”, ha scritto su Facebook.

Tracy afferma di essersi recata in un “salone di grado A” a Winston Salem, che sembrava “molto pulito”.

“Le vasche idromassaggio erano nuove”, dice, “ma peccato che c’era un bel paio di forbici infette da batteri”.

La donna ha fatto la pedicure il 22 giugno e già il giorno dopo soffriva di “forti brividi, nausea e vomito”.

Inizialmente ha pensato potesse trattarsi dei sintomi di un forte raffreddore. Ma il 24 giugno, ha cominciato ad avere problemi di deambulazione: la gamba le si è gonfiata a dismisura e non aveva neanche la forza di stare in piedi.

Diagnosi dopo la pedicure

“Ho scoperto di avere un grave caso di cellulite infettiva causata da un’infezione da streptococco nel flusso sanguigno, causata dai graffi sulla parte esterna del mio tallone fatti da un taglierino”, scrive ancora su Facebook.

Ho vissuto l’inferno, il dolore, lo shock, tutto … Ma voglio aumentare la consapevolezza”. La donna ha scelto di non rivelare il nome del salone, ma vuole che altri imparino dalla sua esperienza.

“Purtroppo non c’è modo di dimostrare che questi strumenti vengano disinfettati correttamente prima dell’uso” scrive ancora.

Tracy è stata costretta ad un ricovero di due settimane in ospedale ed ora si sta ancora riprendendo.

Dovrà sostenere una terapia per i prossimi tre mesi. Dovrà indossare calze elastiche a compressione per tutta la vita per proteggere la gamba da un’altra infezione. Fonte: fanpage.it