Costosissimo sommergibile raggiunge punto più profondo dell’oceano: 8km

1305
oceano

Oceano Atlantico, miliardario raggiunge per la prima volta il punto più profondo: record storico – di Andrea Centini

A bordo del suo costosissimo sottomarino in lega di titanio, il miliardario americano Victor Vescovo ha conquistato l’abisso della Fossa di Porto Rico, il punto più profondo dell’Oceano Atlantico a 8.408 metri sotto la superficie del mare.

L’uomo, appassionato esploratore, ha intenzione di raggiungere tutti e cinque i punti più profondi della Terra.

Per la prima volta nella storia è stato raggiunto il punto più profondo dell’Oceano Atlantico, una depressione nella Fossa di Porto Rico a 8.408 metri sotto la superficie del mare.

A conquistare lo storico traguardo è stato il miliardario ed esploratore americano Victor Vescovo, co-fondatore di una società di private equity a Dallas, negli Stati Uniti.

L’uomo ha raggiunto il traguardo in solitaria a bordo del suo costosissimo sommergibile in lega di titanio da 12,5 tonnellate, costruito dalla società Triton Submarines appositamente per lui.

Il magnate ha l’ambizioso obiettivo di essere il primo uomo ad aver esplorato tutti e cinque i punti più profondi della Terra, e non a caso il record conquistato nell’Atlantico fa parte del progetto “The Five Deeps Expedition”.

Le prossime tappe della sua missione saranno la Fossa delle Marianne nell’Oceano Pacifico, la Fossa di Giava nell’Oceano Indiano, il Molloy Deep nell’Oceano Artico e il South Sandwich Trench nell’Oceano Antartico.

Esplorare l’oceano, una passione da milionari

Quella di Vescovo, che ha già scalato l’Everest e le altre vette più impegnative del pianeta, sembra essere una missione ammantata di vanità (e molto probabilmente lo è), tuttavia le sue esplorazioni e i suoi sforzi economici daranno un importantissimo contributo anche alla scienza.

Sul sottomarino, progettato per resistere fino a oltre 11mila metri di profondità (la Fossa delle Marianne, il punto più profondo del pianeta arriva a 10.994 metri), è infatti montato un sofisticato sonar “multibeam” da oltre 1,5 milioni di dollari in grado di fornire una mappatura 3D del fondale.

Inoltre ci sono un braccio robotico per raccogliere campioni, telecamere ad altissima tecnologia e un secondo posto per ospitare uno scienziato.

Nella missione, oltre che dal Discovery Channel che racconterà la sua avventura in documentari ad hoc, Vescovo è accompagnato da un team di studiosi che lo segue a bordo della sua nave da ricerca scientifica da 68 metri.

Raggiungere questi punti del pianeta è complicato e costosissimo; non a caso soltanto due volte è stato toccato il punto più profondo della Fossa delle Marianne (l’ultima volta nel 2008 fu James Cameron a bordo di un sottomarino da 8 milioni di dollari), mentre quello che si credeva essere il punto più profondo dell’Atlantico fu raggiunto una sola volta nel lontano 1964.

Grazie alle disponibilità e allo spirito avventuroso di Vescovo gli scienziati potranno metter mano a dati preziosissimi per il futuro della ricerca scientifica. Fonte: scienze.fanpage.it