Notre Dame, incendiata per raccogliere fondi? Mazzucco lancia l’ipotesi

2199
mazzucco

Massimo Mazzucco giornalista e scrittore ha pubblicato un video dove in pochi minuti prova a spiegare i motivi dell’incendio.

Tralascia, giustamente, le tesi complottiste e prova a fare un video d’inchiesta cercando a fondo le possibili motivazioni che collegherebbero l’incendio della cattedrale alla successiva raccolta fondi.

Ovviamente tutti i media hanno evitato di parlare di questo aspetto, anzi esaltano tutti i milionari che stanno donando centinaia di migliaia di euro per la ricostruzione di Notre Dame.

Mazzucco centra il problema: la Cattedrale non è di proprietà della Chiesa Cattolica ma dello stato francese e quindi i soldi per la ristrutturazione li deve sborsare la Francia.

La tranquillità di Macron nelle interviste successive al disastro faceva presagire qualcosa di strano: brucia il simbolo della città e non fa una piega?

Le coincidenze sono davvero tante e anche Maurizio Blondet sul suo sito prova ad evidenziare alcune stranezze che risaltano agli attenti osservatori.

Insomma in questi giorni ne abbiamo sentite davvero di tutti i colori sopratutto dai giornali e dai giornalisti che dovrebbero provare ad approfondire le cause e l’eventuale movente dell’incendio.

Ad oggi, dopo 4 giorni dall’incendio nessuna testata prova a spiegare le cause o prova a fare delle domande, sembra che il movente non interessi a nessuno.

Mazzucco: la tesi più verosimile sull’incendio

La possibilità più accreditata sarebbe quella del corto circuito che ha scatenato il divampare delle fiamme.

Quindi: il corto circuito fa scattare le fiamme che in poche ore divorano Notre Dame e la responsabilità a chi verrà addossata?

Se la tesi di Mazzucco esposta nel video sottostante è esatta probabilmente non si troverà mai un colpevole perché tutto è funzionale allo scopo originale: la raccolta fondi.

Speriamo che le indagini portino davvero alla verità, che le tesi strampalate lascino il posto ad analisi più verosimili come quella di Mazzucco. Buona visione.