Firenze, ustionato dalle fiamme di un camino: è grave un neonato di 3 mesi

278
camino

Firenze, bimbo di 3 mesi ustionato dalle fiamme di un camino: è grave in ospedale

  • di Susanna Picone

L’incidente in una villetta di Calenzano, alle porte di Firenze. Il piccolo è stato investito da un ritorno di fiamma: probabilmente il padre ha usato dell’alcol per alimentare il fuoco.

Grave incidente domestico in una frazione di Calenzano, alle porte di Firenze. Un bambino di appena tre mesi è stato raggiunto dalle fiamme di un caminetto. Probabilmente  – scrive il quotidiano La Nazione che ha dato notizia di quanto accaduto – il padre del piccolo ha provato ad alimentare il fuoco versandovi su dell’alcol e il ritorno di fiamma ha raggiunto il bimbo che si trovava nel suo ovetto a pochi metri dal camino. Subito i genitori del piccolo hanno cercato di spegnere le fiamme e hanno chiamato il 118.

Sul posto sono intervenuti l’ambulanza infermieristica India5 della Misericordia di Calenzano, quella con medico a bordo di Campi Bisenzio e anche l’elicottero Pegaso del 118. Il neonato è stato portato in gravi condizioni all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, dove attualmente si trova ricoverato. La prognosi è riservata: il bambino avrebbe riportato ustioni di secondo e terzo grado che riguardano il 35 percento del corpicino.

Ferito anche il papà del bambino – Secondo la ricostruzione de La Nazione, il grave incidente domestico è avvenuto lunedì pomeriggio. I genitori del piccolo avevano acceso il camino di casa e a un certo punto avrebbero appunto tentato di ravvivare la fiamma con un liquido altamente infiammabile, probabilmente dell’alcol. Una pratica pericolosissima, ma purtroppo diffusa. Gettato sul fuoco, il liquido avrebbe provocato un ritorno di fiamma, facendo incendiare ed esplodere tutta la bottiglia in mano al padre del bimbo.

L’ovetto nel quale riposava il piccolo ha quindi preso fuoco e il bambino è stato avvolto dalle fiamme. Il padre, rimasto ferito a sua volta nell’incidente, avrebbe fatto tutto il possibile per spegnere l’incendio e provare a limitare i danni. La mamma al momento dell’incidente si trovava in un’altra stanza.

Fonte: fanpage.it