Hanno salvato i propri bagagli mentre morivano 39 adulti e 2 bimbi – Video

3203
Sukhoj Superjet-100

In queste ore si sta cercando di fare luce su quanto è accaduto sul volo Sukhoj Superjet-100 in cui sono morte 41 persone.

L’incidente è avvenuto domenica sera a Mosca dove un aereo ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza nell’aeroporto di Sheremetyevo mezz’ora dopo il decollo.

I problemi si sono verificati dopo pochi minuti ma i piloti sono riusciti ad atterrare soltanto dopo un secondo tentativo. L’impatto è stato molto violento e i serbatoi del Sukhoj hanno preso fuoco.

Le cause sono ancora da accertare ma diversi passeggeri sostengono che l’aereo sia stato colpito da un fulmine; sono state comunque recuperate le scatole nere.

Tecnici e testimoni stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente dalla partenza all’evacuazione dei passeggeri.

A pochi minuti dalla sciagura, sono iniziati a circolare molti video, tra questi, anche le terribili immagini interne pubblicate in un nostro precedente articolo: ecco il link.

Ed è proprio grazie ad alcuni di questi video che si è scoperta quella che potremmo definire una vera e proprio follia: il recupero dei bagagli durante la fuga.

Si notano infatti diversi passeggeri scappare con bagaglio al seguito. Da qui l’atroce sospetto che questo comportamento abbia impedito ad altri passeggeri di poter uscire più rapidamente e salvarsi.

L’evacuazione dal Sukhoj Superjet-100

Secondo l’agenzia Interfax i “passeggeri colti dal panico hanno cominciato a recuperare i loro bagagli dalle cappelliere dopo che l’aereo aveva impattato col terreno e preso fuoco. Questo ha bloccato l’evacuazione dei passeggeri dai sedili di dietro, che sono morti nell’incendio”.

Evacuazione che secondo Maksim Fetisov, portavoce della compagnia di bandiera russa Aeroflot è avvenuta in 55 secondi.

Sono stati proprio alcuni passeggeri ad ammettere di aver perso tempo per i bagagli. Si sono poi giustificati parlando di “Riflesso condizionato”.

Certo le indagini faranno il loro corso e capiremo meglio ma, di fatto, qualcuno avrebbe potuto salvarsi e non è stato possibile perché altri si sono preoccupati dei bagagli. Sono morte 41 persone di cui due bambini.