Manifesto free vax: il paragone con i bambini ebrei che fa discutere

315
manifesto free vax

Per le strade di Trento da giorni gira un camion con un manifesto free vax che paragona i bambini esclusi dall’asilo dalla legge Lorenzin con gli ebrei.

Sul manifesto campeggia la scritta: “La storia si ripete”. Nelle foto si vedono due bambini, uno con la divisa a righe tipica dei campi di concentramento l’altro è una bambina non vaccinata.

E si mette a confronto la teoria della superiorità della razza ariana che giustifica le esclusioni scolastiche, attribuita a medici e scienziati nel 1939 con la teoria dell’immunità di gregge vaccinale umana che giustifica le esclusioni scolastiche secondo medici e scienziati del 2019.

Immediatamente la politica si è mossa per condannare il manifesto no vax, in primis il consigliere comunale Andrea Masacchio del 5 stelle che lo definisce un “oltraggio alla storia”.

Il manifesto free vax fa discutere

Coglie la palla al balzo immediatamente il dottor Burioni twittando la foto del manifesto con questo commento: “Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana. Ma sull’universo non sono sicuro”.

Burioni viene seguito a ruota da Open di Mentana che non perde la ghiotta occasione per spalleggiare la legge Lorenzin.

Il manifesto diventa virale e grazie allo shoccante paragone in molti stanno parlando della discriminazione che subiscono i bambini che vengono esclusi dagli asili.

Ha ricevuto meno successo invece la protesta messa in campo alcuni giorni fa sempre dai gruppi no vax, o per la libertà di scelta, in molte piazze italiane.

La protesta si è sviluppata in moltissime città italiane, da Pescara a Firenze, passando per Mantova e Biella. I manifestanti esponevano striscioni con questa scritta: “Danneggiati e morti da vaccino esistono – Legge 210/92”.

Evidentemente questo messaggio passa in secondo piano perché riporta una verità inconfutabile mente un cartellone che paragona la discriminazione dei bambini ebrei con quella dei non vaccinati funziona di più.

La domanda rimane: serve di più far parlare dell’argomento in questa maniera oppure è più funzionale fare informazione in maniera più sobria? Questo lo sapremo tra qualche mese, forse anno, intanto vi lasciamo la visione di questo video.

I medici dicono ciò che pensano o ciò che devono dire?

Quanti medici la pensano così?Forse non lo sapremo mai.È bastato radiarne alcuni e adesso in tanti si guarderanno bene dal ripetere le stesse cose.Ma questo vecchio filmato di Piazza Pulita rimane a disposizione di tutti quei geniori che hanno il coraggio di approfondire, per il bene dei propri figli.Seguici su Lo Sai! (y)

Posted by Lo Sai on Thursday, February 14, 2019