Mamma novax guasta la festa a odiatori provax: ecco cosa è successo

4731
novax

Il caso dell’asilo abusivo di Villacidro in Sardegna ha riacceso la diatriba tra le opposte fazioni: provax e novax.

Non entriamo nel merito della vicenda limitandoci a osservare che sarebbe opportuno portare bambini in strutture a norma, ma anche di poterlo fare senza essere obbligati a vaccinare.

Discutere di vaccini sembra diventato impossibile, soprattutto per quei genitori che hanno più di una perplessità rispetto all’efficacia e alle possibili reazioni avverse.

Ed è spesso proprio grazie all’odio di molti provax che non si riesce ad avere un confronto pacato. Se poi arriva anche il carico di certa informazione, come quella del paladino provax, Enrico Mentana, allora c’è davvero da preoccuparsi.

Il direttore pubblica l’articolo sulla vicenda sarda con questo incipit: “La deriva no vax porta anche a questo, sulla pelle dei bambini”. Davvero un bel commento!

E pensare che stiamo parlando di Mentana, un giornalista con anni e anni di carriera alle spalle. Che poi, caro direttore, a “giocare” sulla pelle dei bambini non sono mica questi genitori…

Appena pubblicato il post, parte la macchina dell’odio: gli adepti della setta iniziano la loro carrellata di commenti offensivi. Di loro ce ne siamo occupati anche qualche mese fa in questo articolo.

Ma proprio sul più bello arriva una mamma che con la sua testimonianza guasta la festa degli odiatori provax.

La testimonianza della madre novax

“Buonasera a tutti. Sono una mamma, sfortunatamente no VAX. E dico sfortunatamente perché non è che ci sono nata, ma ho vaccinato i miei figli e come tante altre mamme ho dovuto fare i conti con ‘le reazioni avverse’. La mia secondogenita a causa di una vaccinazione è disabile 100%”.

Inizia così il post di Sabrina, questo il nome della mamma, che poi aggiunge: “Sono una persona normalissima, una persona che lavora, paga le tasse e come tutti, in fiducia, ho sottoposto i miei primi due figli al normale calendario vaccinale”.

Invece di offendere e paragonare i novax a qualche terrapiattista “chiedetevi perché il 90% di noi lo è diventato DOPO aver vaccinato”, dice la mamma.

“Perché è facile da fuori giudicare ma provate a vivere sapendo di aver partorito un figlio sano e poi di vivere di disabilità, terapie e sofferenza”. Magari si limitassero a giudicare.

“Chiamateci ex-vax, sarebbe più corretto. E per quanto mi riguarda, spero che tutti voi, nessuno escluso, anche i più cattivi, arroganti e violenti, non dobbiate mai e dico MAI passare dalla nostra parte, perché vuol dire che passereste dal nostro inferno, e che un altro bambino ha pagato”.

Le reazioni offensive ad un post garbato

Una mamma che ha voluto semplicemente condividere la sua triste vicenda, con garbo ed educazione fino all’ultimo rigo: “Buona serata a tutti, scusate l’intromissione, continuate pure”.

Ovviamente le reazioni non si sono fatte attendere. Oltre alle offese, parte il solito mantra provax: “Non esiste correlazione tra vaccino e danno”.

Alla madre il compito di spiegare l’ovvio e cioè che il vaccino è un farmaco, dunque, si possono avere reazioni avverse.

Poi quella precisazione che fa rabbrividire: “Per correttezza di informazione tengo a precisare che la bambina era perfettamente sana, nessun problema fisico e motorio, parlava e aveva una crescita assolutamente normotipica”.

Racconta del vaccino: “Ha effettuato il vaccino MPR coniugato con pneumococco, tre ore dopo ha sviluppato una forte febbre che è durata 6 giorni, appena sfebbrata la bambina non si muoveva né parlava né deglutiva”.

Il dramma: “Totalmente assente e apatica per più di sei mesi, esami effettuati al Besta a Milano. Diagnosi encefalopatia post vaccinale. E se vogliamo dire che post non vuol dire a causa di… Allora siamo al ridicolo e l’analfabeta non sono certo io”.

Chissà se il direttore avrà letto il commento. Intanto, nella discussione, nessuno che abbia dato prova di aver studiato un minimo l’argomento.

Qui sotto postiamo qualche risposta giusto per capire l’attendibilità di questi odiatori e le loro “argomentazioni scientifiche”.

1

2

3

4

C’è anche un vincitore

Sono ovviamente solo alcuni dei commenti ma c’è molto altro. L’ultimo che proponiamo è davvero fantastico: chiede di essere bannato dal direttore perché non sa più come insultare i novax.

5

Altro che asilo abusivo, questi odiatori non si sono fermati nemmeno davanti a una testimonianza così importante.

Avrebbero potuto approfittarne e farne tesoro, fermarsi e iniziare a riflettere: porre domande intelligenti. Niente, proprio non ce la fanno.

Ma del resto, se i loro “maestri” sono i primi a cercare lo scontro, cosa ci si può aspettare da chi sceglie di seguirli?

Auguri invece a questa mamma, che possa trovare la forza e il coraggio di andare avanti con la stessa determinazione ed educazione usata nei commenti.