La reazione di una mamma di fronte alla figlia con sindrome di Down

sindrome di down

La reazione di una mamma di fronte alla figlia con sindrome di Down

  • di Dolors Massot

“È nostra figlia e noi siamo la sua famiglia. Per noi è perfetta!”

Amber Rojas di recente ha partorito per la quinta volta. Mamma esperta, stavolta ha voluto lasciare “qualcosa all’immaginazione”, preferendo non sapere il sesso del bimbo che portava in grembo.

Lei e il marito, Fernando Reign, si sono preparati per far nascere il piccolo in acqua.

È stato tutto molto rapido. Amber, che ha 35 anni, ha iniziato a sentire le contrazioni quando la testolina del bambino già stava per uscire. Era una bambina, che è stata chiamata Amadeus.

“Ho sentito che era diversa dagli altri quattro figli”

Ma le sorprese non arrivano mai da sole. Quando ha visto la sua nuova bambina, Amber ha notato qualcosa di particolare.

“Tutti i bambini hanno gli occhi piccoli, ma ho notato che i suoi erano diversi. E ho provato qualcosa di diverso da quello che avevo provato con gli altri quattro figli”, ha affermato in un’intervista.

L’ostetrica è arrivata con la notizia: “Sua figlia ha la sindrome di Down”. È stato allora che in Amber è nata una forza straordinaria.

“Tutti i figli hanno bisogno di amore e accettazione”

“Tutti i miei figli hanno necessità speciali: dipendono da me per controllare i compiti di matematica o per leggere. Tutti hanno bisogno di amore e accettazione”, ha spiegato Amber.

Vedere la gioia di questa donna, del marito e degli altri quattro figli in un video condiviso sulle reti sociali è emozionante. I quattro fratellini si avvicinano alla piccola e la riempiono di attenzioni e di affetto.

“Per noi è come gli altri nostri figli. Ha bisogno di latte. Piange quando è bagnata o non le piace qualcosa. Sorride quando ci vede. Siamo felici della sua forza”, ha dichiarato la mamma.

Reazioni su Facebook

Amber ha confessa che non tutti i commenti che ha ricevuto dopo aver postato il video della nascita
di Amadeus su Facebook sono stati positivi, “ma alla fin fine è nostra figlia e noi siamo la sua famiglia. Per noi è perfetta! Non vediamo la sua diagnosi, né l’etichetta che le viene messa, vediamo Amadeus Reign Rojas”.

“I bambini con la sindrome di Down vogliono solo essere visti e trattati come tutte le altre persone. Sarò sempre disposta a condividere la mia esperienza e a insegnare a chi è aperto a imparare con noi un po’ di questa strada che abbiamo intrapreso”.

Amadeus, che per la famiglia è Ami, è nata anche con una malformazione congenita al cuore, e ha dovuto subire un intervento e trascorrere poi vari giorni in ospedale.

Ora si sta riprendendo e continua a ricevere messaggi di sostegno da tutto il mondo attraverso Facebook.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Fonte: Aleteia

Pietro Di Martino

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.
E-mail: pietrodimartino44@gmail.com