Macerata, ospedale la manda via 2 volte: partorisce in casa, bimba gravissima

230
partorisce in casa

Macerata, in ospedale la mandano via 2 volte: partorisce in casa, bimba gravissima

  • di Antonio Palma

I familiari della donna hanno denunciato l’accaduto alla magistratura che ora indagherà sul caso.

Grave episodio nelle scorse ore a Macerata dove una quarantenne del posto ha partorito in casa, con conseguenti complicazioni molto serie per la neonata, dopo essere stata mandata via dall’ospedale per ben due volte nelle ore immediatamente precedenti al parto.

A denunciare l’accaduto sono stati gli stessi familiari della donna che si sono rivolti anche a un legale per presentare un esposto alla magistratura che ora indagherà per accertare i fatti. Come scrive Il Resto del Carlino, l’episodio si è svolto tra la serata di martedì e la mattinata di mercoledì. La donna, in attesa del secondo figlio e con gravidanza quasi a termine,  si sarebbe presentata la prima volta al pronto soccorso dell’ospedale marchigiano con mezzi propri lamentando delle perdite.

Dopo una visita, però, i medici l’hanno rimandata  a casa dicendole di non preoccuparsi perché tutto andava bene. Alcune ore dopo, però, mentre era a casa, la quarantenne ha iniziato ad accusare dei dolori al basso ventre e si è fatta riaccompagnare in ospedale intorno all’una di notte per ulteriori controlli. Anche in questo caso i medici della struttura sanitaria non avrebbero rilevato anomalie, rispedendo a casa la partoriente senza particolare cautele anche se il suo primo parto era stato un cesareo. Appena rientrata nell’abitazione, però, la quarantenne avrebbe avuto un parto precipitoso. Senza assistenza medica quindi  ci sarebbero stati dei problemi con la bambina che, stando a una prima ricostruzione, sarebbe rimasta per alcuni momenti senza ossigeno. Solo a questo punto mamma e figlia sono state portate in ospedale in ambulanza. La piccola è stata trasferita d’urgenza all’ospedale pediatrico Salesi di Ancona, ma le sue condizioni sarebbero gravissime.

Fonte: fanpage.it