Parigi, apre il ristorante gestito dalla figlia di Totò Riina: polemica sul nome

870
riina

La nuova vita della figlia di Totò Riina, a Parigi apre il ristorante “Corleone”di Antonio Palma

Lucia Riina, ultimogenita del boss corleonese deceduto in carcere il 17 novembre 2017, da alcuni mesi si è trasferita in Francia dove ora gestisce nel pieno centro della capitale un locale dal nome evocativo di “Corleone”. “Vita nuova” ha scritto la trentanovenne che dall’autunno è approdata nel Paese con marito e figlia.

A puntare sulla storia di famiglia per lanciare un’attività commerciale ci aveva già pensato la sorella maggiore  promuovendo online una marca di caffè  col nome “Zù Totò”, ora ci sta provando la sorella minore che addirittura a Parigi ha aperto un ristorante con un nome che evoca ben altro, “Corleone“.

Stiamo parlando delle figlie di Totò Riina, il capo dei capi di Cosa nostra morto il 17 novembre 2017 in cella  dopo anni di carcere duro.

La nuova vita della figlia di Totò Riina

Ad enunciare la nuova attività in un post su facebook è stata la stessa Lucia Riina, ultimogenita del boss deceduto.

“Vita nuova. Dallo scorso autunno a Parigi” ha scritto la 39enne, la novità è appunto il locale di Rue Daru nel pieno centro di Parigi.

In realtà il locale, che promette “autentica cucina siciliana-italiana da scoprire in un ambiente elegante e accogliente”, è intestato ad una società per azioni il cui presidente è un francese ma a gestirla sono proprio Lucia e il marito Vincenzo Bellomo che, con la figlia che ha poco più di due anni, dallo scorso autunno si sono trasferiti in Francia.

Il ristorante, sorto dove prima c’era un locale che offriva specialità russe, è stato inaugurato a fine novembre. Dal locale spiegano che i proprietari sono due francesi e che forse solo la gestione è affidata alla coppia corleonese.

Del resto Lucia da tempo aveva messo in cantiere l’idea di lasciare la Sicilia e l’Italia dove ove si sentiva  oppressa ed emarginata proprio per il suo nome.

Dopo essersi vita rifiutare il bonus bebè dal Comune di Corleone e poi dall’Inps si era sfogata sui social: “Chiederemo al presidente della Repubblica la revoca della cittadinanza italiana sia per noi che per nostra figlia così sarà chiaro al mondo intero come l’Italia politica e mediatica tratta i suoi figli, perché sono brutti, sporchi e cattivi”.

Fonte: fanpage.it – Titolo originale: La nuova vita della figlia di Totò Riina, a Parigi apre il ristorante “Corleone”