Ecco perché centinaia di volpi si trovano in un santuario buddista

0
volpi

Destinate a diventare pellicce, centinaia di volpi ora troveranno posto in un santuario – di A.P.

Salvate da un allevamento cinese dove erano destinate a essere scuoiate, 174 volpi bianche ora sono libere di vagare in un santuario buddista che li ospiterà fino a quando non sarà trovato loro un rifugio idoneo.

Come tante altre della loro specie, erano destinate a morte certa per diventare preziose pellicce ma, grazie alla caparbietà di alcuni attivisti animalisti, per 174 volpi bianche il destino sarà molto diverso.

Ti potrebbe interessare anche Bracconaggio: strage di elefanti in Botswana, ecco cosa sta succedendo

Gli animali infatti sono stati liberati dall’allevamento cinese in cui erano nati e cresciuti per essere scuoiati e ora saranno liberi di vagare in un santuario buddista che li ospiterà fino a quando non sarà trovato loro un rifugio idoneo.

Le volpi che hanno potuto lasciare le loro anguste gabbie, dove a volte per lo stress si davano anche ad atti di cannibalismo, infatti sono nate in cattività e non possono essere rilasciate normalmente in natura.

Fondamentale per salvare loro la vita è stato il lavoro di un attivista locale ma anche i continui richiami a non comprare pellicce.

L’allevamento in cui si trovavano infatti stava per chiudere per via degli scarsi guadagni visto che ormai sempre meno persone acquistano pellicce vere preferendo quelle sintetiche.

Il destino delle volpi

Probabilmente sarebbero state uccise e abbandonate o ancora peggio lasciate al loro destino a morire di fame e freddo.

Gli attivisti locali hanno potuto riscontrare sugli animali evidenti segni di violenza e tortura sintomo che venivano maltrattati prima di essere uccisi.

Ti potrebbe interessare anche L’assurda esistenza delle scrofe italiane: ecco come e dove vivono

Ora queste volpi saranno al sicuro e saranno nutrite per il resto della loro vita! Queste preziose creature ora sono in grado di correre, giocare e vivere”, hanno spiegato gli animalisti. Fonte: fanpage.it