Landini e l’ipotesi patrimoniale: “I soldi si vanno a prendere dove sono”

0
landini

Landini è per la patrimoniale: ecco cosa ne pensa il PdSecondo il segretario della Cgil serve per i grandi investimenti. Ma Zingaretti replica

A sinistra il nuovo nodo del contendere si chiama patrimoniale. Dopo il rilancio di Maurizio Landini, segretario della Cgil, di intervenire sulle ricchezze per rilanciare il Paese e combattere le disuguaglianze, arriva la replica del Pd, che attraverso il suo segretario Nicola Zingaretti prende le distanze.

Landini: “Lotta contro le diseguaglianze”. Un grande piano di investimenti pubblici e privati per un nuovo modello di sviluppo centrato sulla sostenibilità ambientale, finanziato da un “tributo di equità contro le diseguaglianze” e da nuovi strumenti finanziari sostenuti da banche e Stato.

E’ quanto propone Landini, intervistato da Repubblica. “I soldi – aggiunge il segretario generale Cgil – si vanno a prendere dove sono”, “serve, finalmente, una riforma fiscale degna di questo nome. È stato un errore gigantesco non averla fatta finora. Non deve riguardare solo le detrazioni sui redditi da lavoro e dei pensionati che sono comunque necessarie, bisogna intervenire sulle ricchezze per una lotta contro le diseguaglianze”.

Landini e la patrimoniale

Dunque una patrimoniale? “Non mi soffermerei sui nomi – dice Landini – lo chiamo tributo di equità contro le diseguaglianze. Ma, insomma, basta voler aprire gli occhi per vedere come il livello di diseguaglianza sia cresciuto enormemente nel nostro paese”.

Il sostegno della sinistra… Proposta, quella di Landini, che viene sottoscritta “dal A alla Z” Arturo Scotto, di Movimento democratico e progressista (Mdp).

Ti potrebbe interessare anche: Renziani contro Zingaretti dopo l’ennesima sconfitta: è già scontro nel Pd

“Sono stato primo firmatario – afferma Scotto su Facebook – nella scorsa legislatura di una proposta di legge denominata Green New Deal, un piano di investimenti pubblici per la riconversione ecologica della produzione e delle infrastrutture. Serve come il pane a questo paese. Ed è giusto finanziarlo con un Contributo di equità, perché chi ha di più, oggi, ha il dovere di dare di più”.

…e il disaccordo del centro-sinistra. Non la pensano come Landini nel Pd. Secondo Antonello Giacomelli, deputato dem ed ex sottosegretario alle Comunicazioni, “la patrimoniale sarebbe una misura sbagliata: è anacronistica ed inutile”.

“Credo – aggiunge – che Zingaretti farebbe bene a chiarire qual è la linea del Pd e non lasciare che si alimentino pericolosi equivoci”. E il segretario del Pd risponde prontamente: “Non so se è una proposta del sindacato, certo non è una proposta del Pd”, chiarisce alla stampa il presidente della Regione Lazio. Fonte: interris