L’acciaio italiano nel mondo: quanto vale e quali sono i gruppi produttori

639

Quando si parla di economia e di mercato vanno tenuti in considerazione tutti i settori, e tra questi c’è anche quello dell’acciaio. E da questo punto di vista, il nostro paese entra nella top ten mondiale: stando agli ultimi dati, infatti, l’Italia occupa il decimo posto, con un valore pari a circa 24,5 milioni di tonnellate di acciaio prodotto.

Per quanto concerne i player del settore, poi, nella Penisola si trovano diversi impianti dislocati soprattutto al Nord, mentre nelle regioni del Meridione la presenza di questi ultimi è piuttosto limitata. Volendo entrare nel dettaglio, i gruppi produttori italiani più importanti sono Arvedi, Feralpi, Ori Martin, Marcegaglia e Acciaierie Venete. Tutte società che lavorano in maniera stabile con l’acciaio, cercando di sfruttare al meglio le potenzialità del prodotto. A questo proposito, può essere utile analizzare i vari usi dell’acciaio, in modo tale da capire in quali ambiti viene utilizzato.

Gli usi possibili per l’acciaio

L’impiego dell’acciaio si rivela utile in svariati campi, spesso molto diversi fra loro, ed è per questo motivo che conviene scoprire un approfondimento su ognuno di essi.

  • Industria meccanica e manufatturiera: ovviamente l’utilizzo dell’acciaio spicca in alcuni settori davvero gettonati, come nel caso dell’industria manufatturiera e meccanica. In questo comparto, il materiale in questione risulta determinante, visto che 99% dei macchinari impiegati è composto di acciaio.
  • Arredamento: l’acciaio è un grande protagonista anche delle nostre case, specialmente se si parla di arredo. Le componenti realizzate con questo materiale, come nel caso delle cucine, sanno come donare lustro, modernità e durevolezza ad un ambiente domestico. Per non parlare della bellezza del loro design, resa possibile anche dal lavoro di satinatura dell’acciaio, che rende la superficie di questa lega davvero elegante.
  • Apparecchiature medicali: l’acciaio è importantissimo anche per un settore delicato come quello delle apparecchiature medicali. Il motivo sta nel fatto che questo materiale garantisce un livello di igiene molto elevato, non a caso viene usato per gli oggetti e i macchinari nelle sale operatorie e presso gli studi dentistici.
  • Industria petrolifera di estrazione: nella nostra lista dei campi di applicazione dell’acciaio non potrebbe di certo mancare l’industria petrolifera di estrazione. In tal caso l’impiego di questo metallo risulta utile per due motivi specifici: perché è in grado di resistere a temperature molto elevate, e perché si dimostra capace di reggere altissimi livelli di pressione.
  • Tubature, gasdotti e oleodotti: le grandi peculiarità strutturali dell’acciaio, fra l’altro viste in precedenza, lo rendono un materiale ideale per la costruzione di complementi come le tubature, i gasdotti e gli oleodotti. E ciò anche per via della resistenza di questo materiale all’azione corrosiva degli acidi, oltre che alla pressione e alle alte temperature.

È chiaro che l’acciaio viene utilizzato in tantissimi altri ambiti, come nel caso del settore architettonico ed edile, ma anche nel comparto della produzione di energia elettrica. Infine, è ottimo per la realizzazione di contenitori ad uso alimentare, perché resiste all’ossidazione. In conclusione, la nostra società non sarebbe la stessa senza la presenza di un materiale così importante, come dimostrano i vari campi di impiego dell’acciaio.