Italia, cala sensibilmente la disoccupazione: forse ci riprendiamo?

467
disoccupazione

Escono i dati Istat sulla disoccupazione e finalmente in Italia si registra un netto calo. A Marzo 2019 il tasso è calato di 0,4 punti rispetto al mese precedente toccando il 10,2%.

Sono 2.641.000 gli italiani in cerca di occupazione e si registra una diminuzione di 96.000 unità a Febbraio 2019 e di 208.000 a Marzo 2019.

Sono 23.291.000 le persone occupate in Italia: sale il tasso di occupazione dello 0,2% rispetto a Febbraio dove si registrava il 58,9%.

Il dato che fa ben sperare è la diminuzione della disoccupazione delle persone sotto i 34 anni. Sono aumentati infatti di oltre 69.000 unità le persone occupate in quella fascia.

Restano invece stabili gli occupati nella fascia tra 35 anni e 49 anni, mentre diminuiscono gli over 50.

Altro dato molto interessante è l’aumento delle persone che trovano un’occupazione permanente, ovvero un lavoro stabile: + 44.000.

Tra i giovanissimi invece, fascia di età tra i 15 anni e i 24 anni, a Marzo 2019 si registra un calo della disoccupazione al 30,2%, dato minimo dal 2011.

In questa fascia di età il tasso di occupazione è del 18,6% con una crescita di ben 0,9 punti a Febbraio e di 1,1 punti a Marzo 2018.

Disoccupazione: i dati sono confortanti

Il dato più confortante che registra l’Istat sulla disoccupazione è quello su base annua. Cresce infatti l’occupazione di 0,5 punti percentuale, pari a più di 144.000 unità interessate.

Ti potrebbe interessare anche Niente curriculum, cerco brave persone: la rivoluzione dell’imprenditrice

Secondo i dati dell’Istat il trend positivo riguarda tutti gli italiani, sia uomini che donne. Nella fascia d’età tra i 15 anni e i 24 anni si registra un aumento di 63.000 unità e tra gli ultra cinquantenni un aumento di 210.000 unità.

Crescono anche i dipendenti con contratto a termine + 65.000, e un aumento positivo anche tra gli occupati indipendenti + 51.000 unità.

Non si registra un’aumento della disoccupazione tra i dipendenti con contratti permanenti, altro dato positivo. Ad oggi il bilancio è quindi sicuramente rassicurante.