Hotel pagato (3000 euro) per i senzatetto ma vengono cacciati

182
senzatetto
(Image: Dan Regan)

Lascia camere d’albergo a senzatetto durante tempesta, hotel li caccia: “Servono documenti”

  • di A.P

La donna aveva regalato le stanze già pagate ma per l’albergo c’è sempre bisogno dei documenti che il gruppetto di senzatetto non aveva, quindi li ha rimandati in strada.

Aveva prenotato diverse camere d’albergo per un evento sborsando oltre tremila euro ma a causa del maltempo aveva dovuto rinunciare al viaggio. Per questo una donna britannica aveva deciso di lasciare le stanze ai senzatetto della zona colpiti dalla stessa tempesta meteorologica, ma il bel gesto si è scontrato con la burocrazia dell’hotel che ha rimandato tutti gli homeless indietro sostenendo che non avevano i documenti.

È quanto accaduto a Weston-super-Mare, cittadina  del Somerset che si affaccia sul canale di Bristol, in Inghilterra. Sarah Parker-Khan aveva scoperto che l’hotel non le avrebbe rimborsato i soldi, quindi si è messa in contatto con un gruppo di volontari che aiuta i senzatetto locali per vedere se poteva dare le stanze gratis venerdì sera.

Un’associazione che si occupa di mense e rifugi per poveri ha raccolto subito l’offerta e, dopo averli istruiti, ha inviato in albergo alcuni senzatetto  con il riferimento della prenotazione e la ricevuta di pagamento inviate dalla donna. Una volata nella hall però si sono ritrovati di fronte al netto rifiuto degli addetti dell’albergo. Per la struttura ricettiva, infatti, i due senzatetto non avevano alcun documento di  identificazione e quindi non potevano alloggiare.

Una decisione che ha amareggiato i volontari. “È stato un peccato, avremmo potuto far trascorre una notte al caldo ad alcune persone . Avremmo potuto dar loro una doccia calda, un letto e una colazione la mattina dopo. Avrebbero potuto mostrare compassione e lasciarli stare” hanno commentato. “Comprendiamo pienamente le buone intenzioni dietro questo gesto, comunque per la sicurezza degli ospiti e per motivi legali, abbiamo bisogno dei nomi di tutti coloro che soggiornano nei nostri hotel” hanno spiegato dalla catena alberghiera.

Fonte: fanpage.it