Gilet gialli in Africa contro il Franco CFA, moneta debito francese

4767
franco cfa

Nella Repubblica Centraficana centinaia di gilet gialli sono scesi in piazza dato che il paese è una vecchia colonia francese che utilizza il Franco CFA.

Protestano contro l’oligarchia francese che non permette al paese uno sviluppo economico a causa delle ripetute crisi che lo colpiscono.

A Bangui, la capitale della Repubblica Centraficana, un gruppo di oltre 300 uomini con un gilet giallo è sceso in strada in motocilcletta chiedendo a gran voce l’abolizione del Franco CFA, la moneta debito francese.

Ti potrebbe interessare anche In Africa bruciano il Franco CFA , in Italia gli Euro: rivolta contro la moneta debito

Questa manifestazione arriva dopo che i gilet gialli in Francia hanno chiesto nel loro statuto la fine del saccheggio dell’Africa da parte della Francia.

I gilet gialli africani dicono di essere all’appuntamento con Florence Parly per far passare un messaggio forte sulla questione della donazione di 1400 armi senza caricatori alle forze armate centroafricane, il consiglio di sicurezza ha bloccato la seconda consegna russa con la benedizione della Francia.

I gilet gialli africani si chiedono: a proposito dell’embargo, a che gioco vuole giocare la Francia? (Fonte)

Ti potrebbe interessare anche Burkina Faso, ecco cosa fanno i francesi ai bambini di 10 anni

Franco CFA, i gilet gialli chiedono l’abolizione

I gilet gialli rivendicano nel loro statuto la fine del saccheggio dell’Africa da parte della Francia attraverso il Franco CFA

Il movimento dei gilet gialli è un movimento di protesta che è iniziato online nel maggio 2018 e che ha portato a manifestazioni iniziate in Francia sabato 17 novembre 2018 e diffuse rapidamente anche in Vallonia, la parte meridionale del Belgio precedentemente molto industrializzata.

Sono scesi in piazza motivati dall’aumento dei prezzi del carburante, dall’elevato costo della vita e dall’affermazione che un peso sproporzionato delle riforme fiscali del governo peserebbe sulla classe operaia e sulla classe media.

 I manifestanti hanno chiesto tagli tasse sulla benzina, la reintroduzione della tassa di solidarietà sulla ricchezza, l’aumento del salario minimo e le dimissioni del presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron.

I giubbotti gialli reclamano anche sulla loro carta la fine del saccheggio dell’Africa da parte della Francia (anche attraverso il Franco CFA n.d.r), come potete leggere:

Françafrique: smetti di saccheggiare e di interferire nella politica e nelle azioni militari, di imporre una dittatura attraverso il denaro e costringere il popolo africano ad un tenore di vita scarso.

Ritira immediatamente tutti i soldati francesi. Abolisci immediatamente il sistema de Franco CFA che mantiene l’Africa in povertà. Intreccia relazioni egualitarie con gli stati africani.

Questa carta sta infiammando i social network e anche noi la confermiamo quasi al 100%,  i gilet gialli la dovrebbero utilizzare se vogliono veramente cambiare la situazione del paese in modo permanente. (Fonte)

Traduzione a cura di Informare x Resistere