Genova, gatto impazzito tiene in ostaggio madre e figlia: sedato 3 volte

5472
gatto

Gatto di casa, impazzito per le urla, aggredisce i propri padronitratto dal sito Soluzioni bio

Solo chi ha un gatto in casa può capire quanto siano umorali e indipendenti, e come interagiscono con i padroni di casa, ciascuno a modo suo, proprio come farebbe un amico che vive con noi.

E’ capitato, in questa famiglia di Vernazzola in provincia di Genova, che la madre e la figlia adolescente abbiano iniziato a litigare.

Niente di più normale, ma di fronte alle urla, il gatto di casa non ha gradito. Sembrava un film horror. Mamma e figlia ostaggio di un gatto indemoniato!

L’intervento dei vigili del fuoco contro il gatto impazzito

Pare che il gatto abbia assorbito l’elettricità della discussione, il nervosismo nell’aria, e sia così letteralmente impazzito.

«Venite a salvarci, presto, il nostro gatto è impazzito… ci ha aggredite».
Quando i Vigili del Fuoco hanno ricevuto questa richiesta di aiuto sono rimasti un po’ perplessi.

Ti potrebbe interessare anche: Ecco perché i gatti non resistono quando vedono una scatola di cartone

Ma quando sono arrivati nella casa di Vernazzola, nel Genovese, dove il micio faceva il diavolo a quattro, hanno capito che il rischio per le due occupanti della casa – madre e figlia asserragliate in bagno – era più che concreto.

L’intervento del veterinario. Il felino, stando a quanto riferito dalla donna e dalla figlia adolescente, avrebbe reagito alla lite (forse cercando di difendere una dall’altra), iniziando ad attaccarle a graffi e a morsi e diventando sempre più aggressivo.

Le due, doloranti e spaventate, alla fine si sono rifugiate in bagno, hanno atteso un po’ di tempo sperando si calmasse, e alla fine, vedendo che continuava ad attaccare, hanno preso il telefono e chiamato i soccorsi.

E’ sopraggiunto quindi un veterinario che ha provato a sedarlo, finendo per fargli ben tre iniezioni, tanto l’animale era agitato.

Mamma e figlia sono quindi uscite dalla stanza e lo hanno accompagnato nel vicino studio del veterinario, dove è rimasto in osservazione per 24 ore. Fonte: soluzionibio