Fujimori, indagato per la sterilizzazione senza consenso di 300.000 donne

594
Fujimori

L’ex presidente peruviano Fujimori indagato per le sterilizzazioni di massa

  • di Riccardo Noury

L’ex presidente peruviano Alberto Fujimori e tre ex Ministri della Salute dovranno rispondere alla giustizia dei crimini commessi nell’ambito del programma di pianificazione forzata degli anni Novanta.

Ti potrebbe interessare anche In Giappone leggi “naziste”, dal 1948 al 1996: ecco i risultati

In quel periodo, secondo i dati raccolti da una commissione parlamentare, 346.219 donne, per lo più native di madrelingua quechua, furono sterilizzate senza che nella stragrande parte dei casi avessero dato il loro libero e informato consenso (furono sterilizzati anche 24.535 uomini). Vi sono prove evidenti che il personale medico ricevette pressioni per raggiungere determinate quote di sterilizzazioni e che tante donne furono costrette ad autorizzare l’intervento in cambio di cibo o denaro. Moltissime non ricevettero cure mediche adeguate e 18 morirono dopo l’operazione.

Ti potrebbe interessare anche Cina, inizia la discriminazione per le donne che lavorano e non fanno figli

Una prima inchiesta era stata avviata nel 2004, ma era stata chiusa nel 2009, una seconda aperta nel 2011 e terminata nel 2014, una terza lanciata nel 2015 e archiviata nel 2016.

Per la quarta volta, dunque, la giustizia peruviana si occupa di quelle terribili vicende e ora pare  la volta buona: la situazione politica è mutata, Fujimori non ha più la forza di condizionare il potere giudiziario.

Ti potrebbe interessare anche Planned Parenthood: 5 citazioni inquietanti della fondatrice

Nella decisione di aprire l’inchiesta, che riguarda la morte di cinque donne e il ferimento grave di altre 2.074, si sottolinea che si trattò di gravi crimini di diritto internazionale, per i quali non vi è prescrizione.

Un passo avanti verso la giustizia, dunque, merito del coraggio e della determinazione di tante donne peruviane e delle organizzazioni locali e internazionali per i diritti umani che le hanno appoggiate.

Fonte: Pressenza