Flavia Cassaro, maestra che insultò i poliziotti, beccata con coca e hashish

flavia cassaro

Hashish e cocaina a casa della maestra che insultò la polizia a Torino di Davide Falcioni

Durante una perquisizione sono stati trovati piccoli quantitativi di stupefacenti a Flavia Cassaro, la maestra già licenziata per aver insultato i poliziotti durante un corteo a Torino.

Altri guai in vista per Flavia Lavinia Cassaro, l’insegnante che lo scorso 22 febbraio durante una manifestazione contro Casapound organizzata a Torino inveì contro gli agenti di polizia schierati per evitare che centri sociali e militanti di estrema destra venissero a contatto.

Nell’abitazione della donna sono stati rinvenuti alcuni grammi di stupefacenti: 2 di cocaina e 1,4 di hashish.

L’alloggio di Flavia Cassaro.

La maestra vive in uno stabile occupato che si trova in corso Novara, nel capoluogo piemontese. Nel mirino degli agenti è finito l’intero stabile, e l’obiettivo dei poliziotti era un cittadino marocchino residente nello stesso complesso.

Nel suo alloggio sono stati trovati altri 14 grammi di hashish. A casa di Cassaro, che ha ricevuto una sanzione amministrativa, anche un grinder per sminuzzare la marijuana, accessorio il cui possesso è assolutamente legale.

Stando a quanto riferito da La Stampa sarebbe stata proprio Cassaro a indicare agli agenti gli stupefacenti, che erano appoggiati su un tavolo.

La storia di Flavia Lavinia Cassaro era balzata alle cronache per le frasi rivolte a degli agenti di polizia in assetto antisommossa, frasi pronunciate in un momento di forte concitazione e pochi istanti dopo una carica.

Nonostante ciò  la donna era stata sospesa dall’insegnamento e a giugno anche licenziata, con la motivazione di aver agito “in grave contrasto con i doveri inerenti alla funzione di educatrice nonché per attività dolosa che ha arrecato grave pregiudizio alla Scuola e alla pubblica amministrazione”.

Ad alcuni giornalisti, incontrati pochi giorni dopo la notifica del provvedimento di destituzione, Cassaro, assistita dal sindacato Cub Scuola, aveva detto: “Ho fatto una sciocchezza, ma il licenziamento è eccessivo. È una punizione ingiusta rispetto all’errore che ho commesso”.

Fonte: fanpage.it – Titolo originale: Hashish e cocaina a casa della maestra che insultò la polizia a Torino

Pietro Di Martino

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.
E-mail: pietrodimartino44@gmail.com