I disegni delle emozioni che proviamo ma che non riusciamo a esprimere

    1873
    emozioni

    Un artista giapponese disegna quelle emozioni che tutti abbiamo provato ma non siamo riusciti ad esprimere con parole

    Ci sono stati emotivi che ci travolgono, completamente. Ci sono momenti in cui proviamo emozioni così intense che è molto difficile esprimerle a parole, perché qualunque cosa diciamo è semplicemente un eufemismo, significa non essere all’altezza dell’emozione incommensurabile che stiamo provando.

    Lo scrittore Julio Cortázar lo riassume perfettamente:

    “le parole non sono mai sufficienti quando ciò che deve essere detto trabocca l’anima”.

    A tal proposito, questo artista giapponese ci aiuta ad esprimerci attraverso le sue illustrazioni, ha disegnato molte di quelle emozioni e sensazioni che tutti abbiamo vissuto in qualche occasione ma per le quali non esiste una parola adeguata che le definisca.

    Ti potrebbe interessare anche Il segreto della bellezza delle donne Himba, che sembrano statue – Foto

    Quando senti di aver esaurito le batterie, letteralmente, non ce la fai più, e devi assolutamente ricaricarti.

    emozioni

    Quando cerchi di conservare qualcosa che appartiene al passato, senti che ti sfugge tra i meandri della memoria, ma vuoi aggrappartici a tutti i costi.

    emozioni

    Quei momenti in cui il mondo intorno a te sembra troppo rumoroso e desideri solo un po’ di silenzio per ritrovare te stesso.

    emozioni

    Quella sensazione di estrema stanchezza in cui tagli con tutto, ti sconnetti completamente e crolli perché non hai più la forza di continuare.

    emozioni

    Quella sensazione di estrema fragilità, come se sentissi che stai per romperti in migliaia di pezzi e, anche così, senti che non puoi fare nulla.

    emozioni

    Quel desiderio intenso di fermare il tempo quando una persona amata ci lascia, ma sapendo che è impossibile e che succede a tutti, come se fosse una condanna.

    emozioni

    Quando ti senti intrappolato, non sai che decisione prendere e sembra che qualsiasi percorso sia minato, quindi vuoi semplicemente restare raggomitolato dove sei, senza muoverti.

    emozioni

    Quando sei stato ferito così profondamente che ti prometti che non amerai mai più così.

    emozioni

    Quei momenti in cui sei pienamente consapevole che le persone che sono al tuo fianco e che ami, un giorno non ci saranno più.

    emozioni

    Quando le relazioni con gli altri ti sopraffanno e semplicemente non puoi fare di più, così che le loro parole ti scivolano addosso, letteralmente.

    emozioni

    Quando senti che le forze psicologiche non ti sostengono e la minima idea di fare qualcosa ti genera apatia e pigrizia.

    emozioni

    Quando dici a qualcuno che stai bene, mentre cerchi di fingere un sorriso, quando in realtà stai cadendo a pezzi dentro.

    emozioni

    Il momento in cui il tuo sguardo incontra quello di un perfetto estraneo ma senti una connessione speciale che ti rimane nella memoria per il resto della settimana.

    emozioni

    Quando senti che il lavoro ti sta assorbendo la vita, letteralmente, e non ne trovi il senso.

    emozioni

    Quando sai che l’amore ti sta facendo del male, ma comunque, ami talmente tanto l’altra persona che ti sottometti piacevolmente.

    emozioni

    Quando senti di essere estremamente suscettibile e ti chiedi come sia possibile che agli altri non diano fastidio quelle cose che ti fanno impazzire.

    emozioni

    Quella sensazione in cui nulla, assolutamente nulla di ciò che accade intorno a te è importante per te perché sei semplicemente troppo triste, troppo vuoto.

    emozioni

    Quando senti che gli altri stanno assorbendo la tua energia, ti stanno semplicemente svuotando.

    emozioni

    Quella terribile sensazione che la malattia ti abbia colto e, per quanto ci provi, non puoi liberartene.

    emozioni

    Quel piccolo posto dove ti senti così al sicuro, così isolato dal mondo, dove a volte ti piacerebbe rimanere per sempre immaginando che tutto vada bene.

    emozioni

    Fonte: Angolo della psicologia