Sopravvissuta a Trump: «Hai ricevuto 30 milioni dalle lobby delle armi»

131
lobby delle armi

Emma contro Trump: «Hai ricevuto 30 milioni di dollari dalle lobby delle armi»

La giovane sopravvissuta del liceo Parkland attacca il presidente americano per il sostegno finanziario che ha ricevuto dalla lobby delle armi.

Una studentessa sopravvissuta alla sparatoria al liceo di Parkland, in Florida, dove 17 persone sono state uccise dai colpi sparati dal 19enne Nikolas Cruz ha attaccato duramente Trump dicendo: “Vergogna”, ha urlato la ragazza, Emma Gonzalez, durante un corteo contro le armi a Fort Lauderdale, stigmatizzando il presidente americano per aver ricevuto sostegno finanziario dalla lobby delle armi.

Ti potrebbe interessare anche Lobby delle armi fa causa alla Florida, fucili per tutti nonostante le stragi

“Se il presidente mi dice che è stata una tragedia terribile – ha aggiunto la ragazza – e non posso farci niente, gli chiederò quanto abbia ricevuto dalla National Rifle Association. Lo so: 30 milioni di dollari “, ha detto la studentessa 18enne. “Quanto valgono per lei queste persone, signor Trump?”, ha proseguito elencando il numero di sparatorie che hanno insanguinato il paese dall’inizio dell’anno.

Ti potrebbe interessare anche Armi: ecco cosa hanno deciso in america dopo l’ultima strage

La sopravvissuta – Emma Gonzalez è all’ultimo anno della scuola superiore Marjory Stoneman Douglas, situata nella vicina città di Parkland. Era nascosta nell’anfiteatro quando Nikolas Cruz ha aperto il fuoco nei corridoi dell’edificio, uccidendo 17 persone, la maggior parte degli adolescenti, prima di fuggire mescolandosi alla folla ed essere arrestato un’ora dopo.”Una question di vita o di morte” – “Il fatto di poter acquistare armi automatiche non è un problema politico, è una questione di vita o di morte”, ha fatto eco un altro studente che ha preso la parola subito dopo Emma Gonzalez.

Ti potrebbe interessare anche Compie la strage e va da McDonald’s. Il killer: “È stata colpa dei demoni”

Fonte: Per Giustizia

Tratto da: Controinformazione.info