Ecco perché Leonardo non ha mai completato la Gioconda

gioconda

La Gioconda, conosciuta anche con la Monna Lisa, è una delle creazioni di Leonardo da Vinci più ammirate al mondo

Viene considerata l’opera più importante del grande artista toscano ed è conservata nel museo del Louvre a Parigi.

È stata portata dallo stesso Leonardo in Francia quando si è trasferito presso la corte di Francesco I e non è stata rubata da Napoleone come molti pensano.

Non ci sono certezze su chi sia la donna raffigurata. Vasari è il primo a parlare di quest’opera e indica la protagonista come la moglie di Francesco del Giocondo, ma la discussione è ancora accesa.

Ultimamente sono stati svolti molti studi sull’opera. L’ultimo uscito pochi giorni fa riguarda il suo enigmatico sorriso che rivela una forzatura e non felicità come affermato in ricerche precedenti.

Anche il suo sguardo è stato demolito da uno studio tedesco uscito a inizio 2019 e dimostra che il famoso “Mona Lisa Effect” (effetto Monna Lisa) non si verifica proprio nella Gioconda.

L’effetto si riferisce alla sensazione di essere seguiti dagli occhi della persona ritratta mentre lo spettatore si muove di fronte all’immagine.

Ti potrebbe interessare anche Santo Sepolcro: gli archeologi dicono che gli evangelisti avevano ragione

Perché Leonardo non ha mai completato la Gioconda?

Le precedenti ipotesi affermavano che la Gioconda non fosse stata completata a causa di un ictus che avrebbe colpito Leonardo.

Ma una nuova ricerca svolta da due medici italiani smentisce questa teoria e sono arrivati alle loro conclusioni dopo aver esaminato il ritratto di Leonardo.

I medici che hanno partecipato alla ricerca sono: Davide Lazzeri, specialista in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso la Clinica Villa Salaria di Roma e Carlo Rossi, neurologo dell’Ospedale di Pontedera in Italia.

Le loro conclusioni sono state tratte da un dipinto di Leonardo realizzato dall’artista lombardo Giovanni Ambrogio Finio.

Il Leonardo ritratto è anziano e ha un braccio posizionato in basso a destra ad angolo retto rispetto al corpo, avvolto nei suoi abiti.

La posizione della dita della mano confermerebbero che l’artista non abbia avuto un ictus. Il pollice, l’indice e il medio sono tesi, mentre l’anulare e il mignolo sono contratti.

Questa posizione ad artiglio potrebbe indicare che Leonardo abbia avuto una paresi ulnare, che è un danno nervoso traumatico causato da una caduta dovuta a svenimento o vertigine, tipica delle persone anziane.

Il dottor Lazzeri spiega infatti che questo potrebbe spiegare perché il maestro non abbia completato molti dipinti nei suoi ultimi 5 anni di carriera come pittore.

L’ipotesi dell’ictus invece è stata scartata perché la paralisi avrebbe coinvolto tutto il pugno e l’artista non ha subito un declino cognitivo.

Il Journal of the Royal Society of Medicine ha pubblicato lo studio dei medici italiani che potrebbe spiegare la motivazione del perché la Monna Lisa sia un’opera incompiuta.

Denise Baldi

Chimica appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale. Interessata ai metodi educativi dolci che lasciano libertà al bambino. Amante della cucina.
Fare buona informazione è il suo scopo primario.
E-mail: baldidenise1982@gmail.com