Sposarsi, hanno calcolato l’età giusta: se lo fai prima o dopo, ecco i rischi

sposarsi

Ecco l’età giusta per sposarsi – L’ha svelata una ricerca di un giornalista e di uno psicologo cognitivo.

C’è un età giusta per convolare a nozze. Lo hanno stabilito Brian Christian e Tom Griffiths, rispettivamente giornalista e psicologo cognitivo, che hanno realizzato una ricerca intitolata “Algorithms to Live By: The Computer Science of Human Decisions” e raccolta anche in un libro. L’età giustà è 26 anni.

Secondo gli esperti per rendere la nostra vita più semplice dovremmo seguire sempre la regola del 37%.

In pratica, consiste nella teoria per cui il momento migliore per fare una scelta arriva dopo aver preso in considerazione il 37% delle opzioni.

In questo modo si hanno a disposizione tutte le informazioni necessarie per non sbagliare e prendere la decisione giusta.

Ti potrebbe anche interessare: Ecco i 5 problemi del matrimonio che distruggono i figli

Questa regola si applica sul lavoro, ma soprattutto sulla vita privata. Il motivo? Per gli esperti l’età perfetta per scegliere il coniuge, avendo la possibilità di vagliare il 37 per cento delle opzioni, sono i 26 anni. A quell’età, infatti, non si è troppo giovani, né troppo maturi.

Esistono diverse sfumature per cui il periodo indicato dai due ricercatori potrebbe cambiare. In ogni caso sembra che il matrimonio prima dei 30 anni sia una garanzia di felicità.

Come racconta il portale Di Lei, tempo fa era stata pubblicata un’altra ricerca, realizzata da Nicholas H. Wolfinger, sociologo della University of Utah.

Secondo lo studioso per evitare il divorzio ed essere felici, bisognava sposarsi entro i 32 anni e non prima dei 28.

In base ai dati raccolti infatti superando gli anta la possibilità di andare incontro ad una separazione aumentava ogni anno del 5%.

Fonte: interris – Ti potrebbe anche interessare: Il matrimonio è in crisi? Tre segni che potrebbero aiutarti a capirlo – Foto: Chiara Perna

Pietro Di Martino

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.
E-mail: pietrodimartino44@gmail.com