Dottoressa licenziata per antisemitismo: ecco cosa scriveva sugli ebrei

607
dottoressa

Usa, dottoressa licenziata da ospedale: “Darei farmaci sbagliati agli ebrei” – di Ilaria Paoletti

Un importante ospedale di Cleveland, Ohio, ha licenziato una tirocinante del primo anno dopo aver scoperto commenti antisemiti nei suoi post sui social media.

Lara Kollab, questo il nome della dottoressa, ha lavorato come tirocinante del primo anno presso la Cleveland Clinic da luglio a settembre 2018.

Ti potrebbe interessare anche Ebrei scappano dalla Francia ma i nuovi antisemiti non sono i neonazisti

Da allora, secondo CBS News, la dottoressa ha cancellato tutti i suoi social media, ma gli screenshot dei suoi post – che risalgono addirittura al 2011 – sono stati documentati dalla “Canary Mission”, un sito dedicato a denunciare l’antisemitismo nel tentativo di combattere la sua ascesa nei campus universitari.

Secondo la Canary Mission, i post della dottoressa Kollab invocavano la violenza contro gli ebrei, difendevano Hamas, banalizzavano l’olocausto e paragonavano continuamente Israele alla Germania nazista.

Il gruppo ha salvato dozzine di post simili dal 2011 al 2017. In un tweet del 2012, ora cancellato, Kollab avrebbe scritto: “Darei agli ebrei tutti i farmaci sbagliati”.

Altri tweet della studentessa riportavano offese come “cani ebrei” e scritte in arabo di questo tenore: “Allah prenderà gli ebrei”.

La Cleveland Clinic licenzia la dottoressa con queste parole

In nessun modo queste opinioni riflettono quelle della nostra organizzazione”, ha immediatamente commentato la Cleveland Clinic in una dichiarazione pubblica, aggiungendo che ha preso provvedimenti immediati quando ha saputo dei post e che la Kollab non ha più lavorato in ospedale da settembre.

Ti potrebbe interessare anche Tra dieci anni non ci saranno più ebrei in Francia, ecco perché

La Cleveland Clinic ha confermato che il licenziamento della Kollab è legato alla sua attività sui social media.

L’ospedale ha puntualizzato però che “non ci sono state segnalazioni di danni ai pazienti correlati al suo lavoro durante il periodo in cui è stata qui.” Fonte Il primato nazionale