Dietrofront sui vaccini: Lega e 5stelle hanno paura delle case farmaceutiche?

Nuovo dietrofront sui vaccini: a questo Governo manca il coraggio – di Stefano Re

Ricordo che in campagna elettorale sia il M5S che la Lega hanno promesso senza mezzi termini che avrebbero abolito la legge Lorenzin, riportato gli obblighi a quelli prima del decreto e che nessun bambino sarebbe stato escluso dagli asili.

Ti potrebbe interessare anche: Questione vaccini: quando nel 2009 morimmo tutti per la suina

Avete stravinto queste elezioni, proprio voi due, proprio i due unici partiti in Italia che si sono espressi CONTRO questo assurdo, illogico, illegale, antiscientifico e immorale obbligo a subire trattamenti sanitari.

Siamo a settembre, eppure vedo ancora bambini perfettamente sani chiusi fuori dagli asili perché “minacciano la Salute Pubblica”.

Lo ripeto: bambini perfettamente sani considerati minacce per la salute pubblica. Una scemenza simile non si può nemmeno pronunciare senza ridere, e la vanno spacciando per “scienza”?

Cancellate questa vergogna

Avete il governo, avete il Parlamento, potete scrivere o abrogare leggi, promulgare decreti, sospensioni, rinvii, quel cavolo che volete. Non importa come lo fate: cancellate questa vergogna insostenibile.

Avete sfidato la lobby del gioco d’azzardo, avete sfidato potentati economici che non dubitano un secondo nemmeno di fronte a ponti che crollano uccidendo persone, avete sfidato la casta con le sue pensioni d’oro, avete sfidato l’Europa di fantocci di Soros, che finanzia golpe ovunque uno Stato non ubbidisca ai suoi ordini.

Avete sfidato a muso duro un sistema internazionale che vive su una tratta di schiavi globale, con l’accordo di Stati, mafie, enti sovranazionali. Avete sfidato l’EuroCrazia che ha costretto alla fame un paese come la Grecia.

Avete sfidato tutto questo e non avete il coraggio di sfidare quattro case produttrici di farmaci?

Beh, trovatelo questo coraggio: vi abbiamo votati anche per questo motivo. Non deludeteci, perché quando finisce la fiducia nello Stato, inizia la necessità di difendere da soli i propri diritti.