Dieta del ciclo: ecco come dimagrire seguendo gli ormoni

dieta del ciclo

Dieta del ciclo, per dimagrire assecondando gli ormoni – articolo tratto da SoluzioniBio

Ti potrebbe interessare anche Coppetta mestruale, tutte le cose da sapere: come si usa, i vantaggi, le controindicazioni

Se è vero che per le donne un grosso ruolo lo giocano gli ormoni, sia negli stati d’animo che nella forma fisica, ecco una dieta che tiene conto dello sbalzo ormonale e della diversa fame che abbiamo nei vari giorni del mese.

Un regime alimentare che cambia di mese in mese, seguendo la naturale variazione degli ormoni e del senso di fame durante il ciclo mestruale.

Quando digiunare? Tra il 5 e l’11 giornoLa dieta del ciclo prevede un digiuno di 16 ore nella fase follicolare, ovvero dal quinto all’undicesimo giorno, e un giorno a settimana durante la menopausa.

Lo scopo del digiuno controllato è quello di favorire l’innalzamento dell’umore, combattere lo stress ossidativo, i livelli di infiammazione insieme al mantenimento del peso e al rafforzamento del sistema immunitario.

Cyclicity diet, ecco come si fa 

La dieta ciclica si inizia il primo giorno del ciclo ovarico, o nella fase follicolare tardiva (5-11), quando il desiderio di cibo è meno intenso ed è più facile sottoporsi a una restrizione.

Ti potrebbe interessare anche Ecco con che cosa sostituire i dolci quando si ha il ciclo

Carboidrati e grassi potrebbero essere, invece, moderatamente aumentati nei 5-8 giorni prima delle mestruazioni.

La dieta del ciclo tiene conto oltre che del ciclo ovarico, anche del ritmo circadiano. Gli estrogeni, infatti, svolgono un ruolo importante nella regolazione del comportamento alimentare circadiano durante un’alimentazione ad alto contenuto di grassi. L’abbassamento degli estrogeni porta la donna a dormire di meno e a mangiare più cibo.

Cosa succede ad una donna durante il ciclo mestruale. L’interazione degli ormoni sessuali femminili durante il ciclo ovarico influenzano l’appetito e il comportamento alimentare, regolato dalla regione del cervello chiamata ipotalamo.

Estrogeni, progesterone e androgeni sono dei modulatori dell’assunzione di cibo e dell’equilibrio energetico, che esercitano un’azione periferica diretta sul tessuto adiposo.

Secondo le analisi, l’assunzione media di cibo è più bassa nel periodo pre-ovulatorio, quando i livelli di estradiolo sono più alti, per raggiungere il picco massimo nel periodo pre-mestruale, quando il progesterone è più alto e il livello di serotonina nel cervello è più basso, fattore che spiega la maggior voglia di dolci.

Gli estrogeni hanno un potenziale effetto benefico per perdere peso, ecco perché manipolando i livelli di questi ormoni con dieta e attività fisica ad hoc, il dimagrimento risulta più semplice. Fonte: SoluzioniBio

Denise Baldi

Chimica appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale. Interessata ai metodi educativi dolci che lasciano libertà al bambino. Amante della cucina.
Fare buona informazione è il suo scopo primario.
E-mail: baldidenise1982@gmail.com