Azienda che rifornisce marchi molto noti, produce olio di palma così

olio di palma

Massiccia deforestazione per produrre olio di palma – Denuncia di Greenpeace: 4mila ettari di foresta persi in due anni

Ti potrebbe interessare anche: Nutella, che fine fanno i gusci delle nocciole? Ferrero svela il mistero

Quattromila ettari di foresta pluviale in Papua, Indonesia – un’area equivalente alla metà della città di Parigi – distrutti fra il maggio 2015 e l’aprile 2017 per produrre olio di palma. Lo rivela una nuova indagine di Greenpeace insieme ad alcune immagini girate dall’organizzazione, che ora accusa un’azienda produttrice di olio di palma dalla quale si riforniscono marchi molto noti che producono cibi.

Ti potrebbe interessare anche: Olio di palma: quando gli interessi economici hanno priorità su ambiente e diritti umani

“Secondi i dati del Ministero dell’Ambiente indonesiano, tra il 1990 e il 2015 l’Indonesia ha perso circa 24 milioni di ettari di foresta tropicale: più di ogni altro Paese al mondo. Dopo aver distrutto gran parte delle foreste pluviali di Sumatra e Kalimantan, l’industria dell’olio di palma sta ora avanzando verso nuove frontiere vergini, come Papua” commenta Martina Borghi, responsabile della campagna Foreste di Greenpeace Italia. “Se il governo indonesiano ha intenzione di continuare a difendere l’industria dell’olio di palma, dovrebbe prima assicurare che vengano adottate e rispettate politiche volte a fermare la deforestazione, il drenaggio delle torbiere e lo sfruttamento dei lavoratori e delle le comunità locali”, prosegue Borghi.

Ti potrebbe interessare anche: Brasile, riforestazione da record: saranno piantati 73 milioni di alberi

Alcune delle foto e dei video prodotti fra il marzo e l’aprile 2018, testimoniano la massiva deforestazione in corso nella P Megakarya Jaya Raya, una concessione di olio di palma controllata da un’azienda. La concessione include alcune aree protette dal governo indonesiano in risposta ai devastanti incendi che hanno colpito le foreste nel 2015: in queste zone è proibito lo sviluppo commerciale.

Fonte: interris

Pietro Di Martino

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.
E-mail: pietrodimartino44@gmail.com