Ciliegie: ecco perché bisogna scegliere quelle con la buccia più scura

    326
    ciliegie

    Ciliegie, frutto eccezionale dalle incredibili proprietà benefiche

    Maggio tempo di ciliegie! È questo il periodo in cui fare incetta di questi preziosi frutti dalle mille proprietà. È accertato, infatti, che le ciliegie siano ricche di vitamine e sali minerali.

    E non solo: ricche di potassio e di sostanze antiossidanti e antinfiammatorie, le ciliegie possono annoverarsi tra i cosiddetti “functional foods”, ossia i cibi funzionali, quei cibi che sono ottima fonte di tutte le più importanti sostanze nutritive. 

    Ed inoltre sono anche un elisir per gli sportivi o per chi in questo periodo dell’anno, complice la bella stagione, decide di aumentare l’attività fisica e di mettersi in forma per l’estate.

    Perché le ciliege fanno così bene. Contengono anche molti polifenoli e antociani, sostanze antiossidanti e antinfiammatorie che non sono distribuite uniformemente nel frutto, ma sono concentrate nella buccia. È più utile, dunque, scegliere le ciliegie più scure, perché possiedono una concentrazione più elevata di queste sostanze.

    Le ciliegie fanno bene anche al sonno. I polifenoli e gli antociani sono molecole organiche con proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e depurative. Sono concentrate nella buccia delle ciliegie e proteggono la polpa dalla luce del sole. Per questo, per avere il massimo quantitativo disponibile di queste sostanze, è bene scegliere frutti con buccia molto scura.

    La funzione di riduzione di stress ossidativo dei polifenoli è particolarmente utile in presenza di sindromi infiammatorie croniche come quelle intestinali, oggi molto diffuse.

    Gli antociani stimolano un’azione purificatrice del fegato e del sangue e hanno un effetto lassativo. Una ricerca pubblicata sul “Journal of medicinal food” ha dimostrato la correlazione tra miglioramento del sonno negli adulti e assunzione di ciliegie, anche sotto forma di centrifugato.

    Grazie al contenuto di melatonina naturale nel frutto, esse infatti aiutano ad attenuare l’insonnia negli adulti. Si, le ciliege fanno bene, ma quante mangiarne?

    Data la loro funzione drenante, sono consigliate anche per chi vuole perdere peso. Infatti, questi frutti sono ricchi di fibre solubili che, raggiunto lo stomaco, assorbono acqua e aumentano il senso di sazietà, grazie al loro rigonfiarsi.

    Per ottenere risultati visibili, compreso un effetto depurativo e disintossicante, bastano 20-25 ciliegie al giorno. Meglio se al mattino, dopo il digiuno notturno, e di accompagnarle bevendo molta acqua.

    Cosa succede se ne mangiamo di più? Potrebbero provocare coliche o peggiorare i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile. In questi casi il loro consumo deve essere quanto più limitato possibile.

    Inoltre si segnala che le ciliegie hanno anche proprietà lassative e, sopratutto per i più piccoli, il loro consumo dovrebbe essere limitato in quanto possono causare diarrea.

    Fonte: SoluzioniBio – Ti potrebbe interessare anche Ciliegie, mangiate solo la polpa? Ecco come utilizzare i piccioli di ciliegia