Caso Sea Watch: Salvini non ha chiuso i porti, lo ha solo detto sui social

caso sea watch

Caso Sea Watch, i documenti del Viminale che ‘scagionano’ Matteo Salvinidi Annalisa Cangemi

Documenti ufficiali del Viminale dimostrerebbero che Salvini non avrebbe mai dato l’ordine di chiudere il porto alla Sea Watch3, che trasportava 47 migranti.

Secondo le carte ufficiali il ministro non avrebbe vietato lo sbarco dei minorenni dalla nave quando quest’ultima è stata tenuta alla fonda a Siracusa.

Il ministero dell’Interno non avrebbe mai dato l’ordine di divieto di approdo e di sbarco dei 47 migranti a bordo della Sea Watch3, la nave umanitaria dell’ong tedesca battente bandiera olandese, ripartita ieri dopo 21 giorni di stop al porto di Catania, dove è rimasta bloccata per essere sottoposta a verifiche. La notizia è stata riportata da ‘Avvenire‘, che ha pubblicato i documenti ufficiali del Viminale.

Il quotidiano dei vescovi ha riportato che, contrariamente a quanto affermato dal suo titolare Matteo Salvini, il ministero dell’Interno non ha vietato nemmeno lo sbarco dei minorenni, mentre la nave era alla fonda a Siracusa.

E questo nonostante Salvini avesse ribadito più volte, sui social network e con dichiarazioni su vari media, che “in Italia i porti sono chiusi”.

I documenti, ha sottolineato il quotidiano, suscitano domande sulla reale catena di comando che parte dal governo e arriva all’ultimo ufficiale delle Capitanerie di porto.

Rispondendo a una ‘istanza di accesso civico’, la Direzione centrale dell’immigrazione presso il Dipartimento della Pubblica sicurezza, ha precisato che il dicastero “non ha prodotto e non detiene alcun provvedimento/comunicazione trasmesso alla nave Sea Watch”.

Caso Sea Watch: nessuna responsabilità per il Ministro Salvini

E non risulta siano mai partite indicazioni riguardo “provvedimenti in risposta alla richiesta di sbarco dei minori dalla Procura presso il tribunale dei minori di Catania”.

È la risposta alla richiesta formulata dall’avvocato Alessandra Ballerini, firmata da Massimo Bontempi, direttore della Direzione centrale dell’immigrazione e della Polizia delle frontiere.

Ti potrebbe interessare anche: Kyenge senza limiti: “L’Europa ha bisogno di 50 milioni di immigrati”

Analoga istanza è stata depositata presso il ministero delle Infrastrutture, che però non ha ancora risposto.

Tecnicamente, dunque, il ministro Salvini non ha avuto alcuna responsabilità e, sempre dai documenti ufficiali, non compare alcuna traccia di un suo intervento.

Secondo Avvenire nel caso in cui venisse avviata un’inchiesta sulle modalità di trattenimento dei migranti, rischierebbero di essere chiamati a risponderne non il Viminale, ma il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli e il ministero delle Infrastrutture con i militari della Guardia costiera che coordinano gli interventi.

Fonte: fanpage.it – Titolo originale: Caso Sea Watch, i documenti del Viminale che ‘scagionano’ Matteo Salvini 

Pietro Di Martino

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.
E-mail: pietrodimartino44@gmail.com