Il casco che salva i capelli dalla chemio funziona: ecco dov’è in Italia

201
casco che salva i capelli dalla chemio

Cancro, funziona il casco che salva i capelli dalla chemio: ottimi risultati nel Ravennate – di Andrea Centini
 
Da quando è stato installato all’Ospedale Umberto I di Lugo di Romagna, nel Ravennate, il Paxman Scalp Cooling system ha protetto i capelli del 56% delle pazienti sottoposte a chemioterapia, evitando l’uso della parrucca.

Il casco in silicone abbassa la temperatura del cuoio capelluto e impedisce ai farmaci chemioterapici di aggredire i bulbi piliferi.

Il casco refrigerante che evita la caduta dei capelli durante la chemioterapia continua a ottenere grandissimi risultati nei nosocomi italiani in cui è stato installato.

All’Ospedale Umberto I di Lugo di Romagna (Ravenna), dove il Paxman Scalp Cooling system è arrivato nel gennaio dello scorso anno grazie a una donazione di 35mila Euro dell’Istituto Oncologico Romagnolo – IOR, ha permesso al 56 percento delle pazienti in cura per un cancro al seno di preservare la propria chioma e dunque di evitare la parrucca.

La perdita di capelli rappresenta infatti uno degli effetti collaterali psicologicamente più sconvolgenti legato ai trattamenti contro i tumori, in particolar modo per le donne. Poterla evitare è indubbiamente di grande beneficio per la qualità della vita.

Ottimi risultati. Da quando il Paxman Scalp Cooler è stato installato all’ospedale in provincia di Ravenna sono state trattate 62 donne, 35 delle quali sono giunte al termine della chemioterapia senza aver bisogno di una parrucca, come dichiarato dal professor Claudio Dazzi, responsabile del Day hospital oncologico.

Ti potrebbe interessare anche: Cancro al polmone, è ufficiale: il futuro è senza chemio, ecco l’alternativa

Effetti collaterali del casco che salva i capelli dalla chemio

Soltanto cinque delle pazienti hanno dovuto rinunciare all’innovativo trattamento per l’alopecia da chemioterapia, a causa degli effetti collaterali del casco (in silicone) come la sensazione di freddo e il mal di testa.

Le percentuali sono del tutto in linea con quelle attese dall’ospedale prima dell’installazione del sistema Paxman, utilizzabile da due pazienti contemporaneamente.

Come funziona. Ma come agisce il Paxman Scalp Cooling system? In parole semplici, il casco raffredda il cuoio capelluto a circa 4° centigradi, facendo restringere i vasi e impedendo che i farmaci chemioterapici raggiungano le cellule dei bulbi piliferi e determino la caduta dei capelli.

Medicinali come gli alchilanti, i tossani e le antracicline (tra i più comuni chemioterapici) colpiscono infatti le cellule che si replicano velocemente, come quelle ‘impazzite’ del cancro, ma non fanno distinzioni con quelle sane dei capelli, che sono tra le più veloci del nostro organismo.

Il primo ospedale a credere nelle potenzialità del dispositivo è stato quello di Carpi, dove è in sperimentazione dal 2013; da allora è stato acquistato da altri nosocomi italiani e continua a dimostrare la sua ampia efficacia.

Fonte: fanpage.it – Titolo originale: Cancro, funziona il casco che salva i capelli dalla chemio: ottimi risultati nel Ravennate