Carnevale a Napoli: bimbo travestito così. La mamma: ‘Putit fa na risat’

carnevale
foto frande il bambino con abito da carnevale - foto piccola in alto a destra immagine di YouTube dal film "Il bambino con il pigiama a righe"

L’orribile vestito di Carnevale: il bambino vestito da prigioniero nel lager nazista – tratto dal sito fanpage.it

Il premio per la peggior maschera di Carnevale 2019 a Napoli va sicuramente a chi ha deciso di vestire un incolpevole bambino da piccolo prigioniero di un lager nazista, tentando di imitare il protagonista del film “Il bambino col pigiama a righe”.

Borrelli e Simioli: “È inconcepibile la leggerezza con cui alcune persone affrontano la trattazione dell’Olocausto, uno dei punti più bui della Storia”.

È evidente che a Napoli sui vestitini di Carnevale per i bambini qualcuno si è fatto prendere la mano.

L’abito di carnevale che non fa sorridere

È il caso di questo abitino, fatto indossare ad un incolpevole bambino (del quale abbiamo completamente coperto il volto) segnalato dal consigliere regionale Francesco Borrelli e dallo speaker radiofonico Gianni Simioli: nelle intenzioni dei genitori il bimbo sarebbe “il bambino con il pigiama a righe”, riprendendo l’omonimo film ambientato nei lager nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale.

“Troviamo fuori luogo e di pessimo gusto che un dramma come la deportazione nei campi di sterminio nazisti possa diventare spunto per un travestimento di Carnevale” attaccano Borrelli e Simioli.

Ti potrebbe interessare anche: Pilecki, ecco chi è l’eroe di Auschwitz che vogliono cancellare dalla storia

“Possiamo affermare senza ombra di dubbio che vince il premio come peggiore maschera. Il piccolo, ovviamente, non ha nessuna colpa. La responsabilità di questa bruttissima immagine è dei genitori. È inconcepibile la leggerezza con cui alcune persone affrontano la trattazione di uno dei punti più bui della Storia. La reazione della madre, tra l’altro, risulta particolarmente inquietante.”

E poi: “Invece di comprendere l’errore, si lascia andare ad una filippica contro la mancanza di ironia e parla senza alcuna vergogna di “caricatura alle vittime dell’Olocausto”. Ma come si può sorridere della Shoah e trasformarla in una macabra carnevalata?”.

Fonte: fanpage.it – Titolo originale: L’orribile vestito di Carnevale: il bambino vestito da prigioniero nel lager nazista 

Pietro Di Martino

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.
E-mail: pietrodimartino44@gmail.com