United Airlines costringe una cliente a mettere il cane nella cappelliera: il cucciolo muore

1089
cane nella cappelliera

United Airlines costringe una cliente a mettere il cane nella cappelliera: il cucciolo muore

  • di Susanna Picone

L’assistente di volo avrebbe insistito con la padrona del cane affinché posizionasse la cesta con l’animale nella cappelliera situata sopra le teste dei viaggiatori. All’atterraggio si sono accorti che il cane, un bulldog francese di 10 mesi, era morto.

Nuova bufera sulla United Airlines. Un cagnolino è morto in un aereo che volava da Houston verso New York dopo che un assistente della compagnia aerea ha chiesto ai proprietari dell’animale di rinchiuderlo all’interno della cappelliera. Una volta a destinazione, il cucciolo – un bulldog francese di dieci mesi – non respirava più. La notizia di quanto accaduto al cagnolino si è diffusa sui social. Una passeggera dello stesso volo dei proprietari del cagnolino ha postato una foto su Twitter scrivendo: “Voglio aiutare questa donna e sua figlia. Hanno perso il loro cane a causa di un assistente di volo United. Il mio cuore è spezzato”. Un altro passeggero ha pubblicato la foto del cagnolino morto durante il viaggio.

Da quanto emerso, un membro dell’equipaggio della compagnia aerea avrebbe insistito per far viaggiare il cane nella cappelliera nonostante fosse trasportato in un contenitore a norma. La padrona ha protestato, ma l’assistente le avrebbe detto che il cane sarebbe stato al sicuro. Secondo le testimonianze di alcuni passeggeri, durante il volo più volte è stato sentito il cane lamentarsi, ma nessuno si era accorto che fosse morto prima dell’atterraggio. A quel punto il tentativo della proprietaria di rianimarlo si è rivelato inutile. La proprietaria del cane, Catalina Robledo, viaggiava con i due figli, di cui uno neonato, e appunto il cane.

Today, I boarded my first United Airlines flight.On my way, I saw a Frenchie that looked identical to my own precious…

Posted by June Lara on Monday, March 12, 2018

La United Airlines si è scusata per la morte del cane  – Dopo la vicenda la compagnia aerea, travolta dalle critiche sui social, si è scusata ammettendo l’errore: “Questo è stato un tragico incidente che non sarebbe mai dovuto accadere, gli animali non dovrebbero mai essere collocati nelle cappelliere. Ci assumiamo la piena responsabilità di questa tragedia ed esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e ci impegniamo in solido. Stiamo investigando a fondo sull’accaduto per evitare che si ripeta”. L’anno scorso il vettore era stato denunciato dai proprietari di un coniglio gigante morto su uno dei suoi voli, e secondo un report del Dipartimento dei trasporti, United ha il maggior numero di animali deceduti nel 2017, con 18 morti e 13 feriti durante il trasporto.

Fonte: fanpage.it