Le viene il cancro e comincia a vendere turbanti a 850 dollari

turbanti

Carmela ha iniziato a disegnare dei turbanti quando ha scoperto una malattia che non le ha rubato la gioia e la voglia di rivoluzionare il mondo

Le hanno diagnosticato il cancro, si è inserita nel mondo della moda e ora fa tendenza – di Esteban Pittarro

Carmela studia Architettura all’Università di Belgrano, a Buenos Aires (Argentina). Originaria di Bahía Blanca, si è recata in un centro medico perché credeva di avere un broncospasmo non curato.

Gli esami hanno rivelato che il motivo del suo malessere non era quello, ma un tumore tra il cuore e il polmone. La diagnosi finale è stata chiara: linfoma di Hodgkin. Il trattamento? La chemioterapia.

Di fronte alla possibile caduta dei capelli provocata dalla cura, Carmela è andata dal parrucchiere e si è fatta confezionare una parrucca con i suoi capelli, che le arrivavano fino alla vita ed erano il suo orgoglio.

Per sentirsi più sicura, ha pensato di usare degli accessori. La sua psicologa le ha prestato dei turbanti che lei stessa aveva usato in una situazione simile, ma visto che Carmela non si riconosceva in quello stile ha cercato della stoffa vecchia, ha disegnato personalmente dei turbanti e delle fasce e li ha fatti confezionare.

In estate, dopo che le amiche li avevano visti e le avevano chiesto dove li avesse comprati, è nata la sua impresa Las Cholas.

Mi sono resa conto che potevo realizzarle e venderle. Mi faceva bene perché mi distraeva e mi permetteva di aiutare altre ragazze”, ha affermato in un’intervista a Infobae di qualche tempo fa.

I turbanti di Carmela

Da allora compra le stoffe e disegna fasce che servono non solo a donne che indossano una parrucca, ma anche a quelle che hanno i capelli molto corti.

I suoi turbanti sono poi un accessorio ideale per chi ha dovuto tagliarsi tutti i capelli. Las Cholas, sottolinea, è nata per mostrare che turbanti, fasce e fazzoletti non sono appannaggio esclusivo del mondo del cancro.

Non posso negarlo, il cancro mi ha privato dei miei amati capelli, lunghissimi, che pesavano un paio di chili, dell’energia di fare mille cose al giorno e di varie altre cose, ma quello che non mi ha tolto e non mi toglierà mai è la voglia di voler conquistare il mondo.

Mi ha fatto capire che io non sono i miei capelli, né il mio peso, il mio fisico o il mio volto. Che sono molto, moltissimo di più.

Che dipende da me guardarmi allo specchio tutti i giorni e sapere che posso fare tutto ciò che mi propongo di fare.

Vestirmi come voglio, truccarmi anche se sono le due del pomeriggio, prendere qualsiasi fazzoletto, avvolgermelo in testa e uscire sentendomi il massimo”, scrive sulla pagina web di Las Cholas, che permette di ordinare turbanti da tutto il mondo.

Niente ti rende più bella che essere coraggiosa e sicura di te”, dice Carmela. I suoi disegni e la sua vitalità possono essere seguiti anche attraverso il suo account di Instagram.

Un giorno, meno di due anni fa, Carmela ha ricevuto una pessima notizia. Ha pianto, ma poi si è rialzata e ha avviato un’impresa con cui vende più di 100 articoli al mese, facendo del bene a se stessa e agli altri. Fonte Aleteia

Maurizio Spezia

Appassionato di sport in generale, ospite fisso su Centro Suono Sport ogni lunedì sera.
E-mail: mauriziospezia81@gmail.com